Sanremo 2021, la decisione ufficiale della Rai: la scelta che farà discutere

La Rai ha deciso: il Festival di Sanremo 2021 si terrà regolarmente dal 2 al 6 marzo, ma senza la presenza del pubblico. Stilato il protocollo di sicurezza, che sarà inviato al Cts.

L’esterno del teatro Ariston (Foto: Getty Images)

È arrivata la decisione definitiva in merito al Festival di Sanremo 2021, in programma dal 2 al 6 marzo, che sarà condotto ancora una volta da Amadeus, che svolge anche il compito di direttore artistico. Nonostante gran parte dell’Italia sia diventata a partire da oggi “zona gialla”, prevedendo così un allentamento delle misure restrittive (solo 5 Regioni restano “arancioni), all’Ariston il pubblico non potrà essere presente.

Potrebbe interessarti – Sanremo 2021, Amadeus ci ripensa: nuovo colpo di scena

L’ufficialità è arrivata dopo una riunione a cui era presente anche il presentatore, che ha portato all’individuazione del nuovo protocollo approvato dalla Rai. A tenersi a “porte chiuse” saranno anche tutti gli eventi esterni e i programmi collegati alla kermesse. Questo porta così a una marcia indietro inaspettata fino a pochi giorni fa: l’emittente di Stato, infatti, aveva lanciato un bando per ricercare “figuranti” che potessero essere seduti in platea, a condizione ovviamente di rispettare il distanziamento e di sottoporsi agli opportuni controlli prima di accedere al teatro.

Fiorello e Amadeus durante il Festival (Foto: Getty Images)

Potrebbe interessarti – Sanremo, polverone clamoroso su caso Fedez: la reazione Rai scatena un putiferio

Festival di Sanremo 2021 senza pubblico: la decisione

Il vertice che ha portato alla decisione ha visto la presenza anche del direttore artistico, che ha ovviamente preso atto di questa scelta, ritenuta indispensabile per far sì che la manifestazione possa tenersi in sicurezza. Già nella giornata di domani Viale Mazzini provvederà a inviare il protocollo stilato al Cts, che dovrà dare il suo ok definitivo.

Nessun dettaglio sarà comunque trascurato. Come indicato nella nota ufficiale che è stata emesssa, la Rai è pronta a collaborare con Amadeus affinché la kermesse possa svolgersi al meglio e ha così già “dato indicazioni su alcune idee creative che possono essere titenute adatte con questa modalità di organizzazione“.

Chi ha avuto la possibilità di seguire da vicino il Festival sa bene come nei giorni in cui è in programma l’evento si svolgano anche altre iniziative a esso collegati e che cojnvolgono direttamente i cantanti in gara. Questa volta questi non potranno quindi svolgersi.