Riaperture scuola 7 gennaio, la mappa delle regioni per ripartire

E’ ufficiale. Riapriranno le scuole da domani per tutta Italia seguendo la divisione regionale, ecco il provvedimento.

riapertura scuole
riapertura scuole (Getty Images)

In questi giorni si è discusso di quanto fosse importante riaprire le scuole. L’Italia non si poteva permettere altre settimane di chiusura, il Governo ha quindi stilato un piano di riapertura almeno per i più piccoli.

La riapertura avverrà domani 7 gennaio, immediatamente dopo l’Epifania. L’ordinamento prevede l’apertura di scuole dell’infanzia, medie ed elementari. Ci sarà qualche eccezione per via delle zone con l’indice Rt troppo alto. Vediamo la divisione per regioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>Bolzano, frana distrugge un albergo: tragedia sfiorata

La suddivisione in regioni per ripartire

riapertura scuole
riapertura scuole (Getty Images)

Lazio, Toscana ed Emilia Romagna apriranno le scuole con il 50% della presenza l’11 gennaio. Per elementari e medie, però, si ritorna in classe direttamente domani. Anche Valle D’Aosta segue le sopra indicate e apre l’11. Per il Piemonte la situazione è un pò diversa: le scuole superiori torneranno in classe sicuramente non prima del 18 gennaio. Cercheranno infatti di seguire i dati scientifici sull’andamento della curva epidemiologica. Elementari e medie invece rientreranno il 7 prima di tutte le altre regioni.

In Liguria si è deciso per la riapertura di tutte le scuole. Nessuna esclusa. La Lombardia si definisce pronta in quanto ha varato nuovi piani per le riaperture scolastiche riconsiderando anche i trasporti. In Trentino Alto Adige i ragazzi rientreranno a scuola come in Piemonte il 7 gennaio, però con presenza al 50%. Per il Friuli Venezia Giulia si è deciso che le scuole secondarie di secondo grado continueranno fino a fine mese con la didattica online.

Problematica anche la situazione del Veneto che ha deciso di chiudere le attività didattiche fino a fine mese. Anche le Marche seguono il Friuli, scuole secondarie in didattica a distanza fino a fine mese. Abruzzo e Molise hanno seguito direttive leggermente differenti: tutti in classe domani 7 gennaio, tranne che per le superiori che riapriranno l’11 con presenza al 50% che mirerà ad aumentare fino ad un 75% da metà mese.

LEGGI ANCHE >>Covid, in arrivo un nuovo decreto: cosa si può fare in zona rossa

La Campania prevede il rientro dell’infanzia e dei primi due anni della primaria l’11 gennaio. Si vedrà con il passare dei giorni se la situazione permetterà la riapertura anche per le altre classi della primaria. Calabria e Puglia decidono DAD fino a metà mese, anche per le elementari. Basilicata spera nella riapertura l’11, ma stanno ancora valutando se slittarla a fine mese. Infine Sicilia e Sardegna stanno cercando soluzioni per le superiori con un 50% di presenza, sicuro è il ritorno dell’infanzia e primaria domani 7 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.