Covid, in arrivo un nuovo decreto: cosa si può fare in zona rossa

Modificato il testo del nuovo decreto sulla prevenzione del contagio da Covid: cambiano le regole su cosa si può fare in zona rossa.

covid nuovo decreto zona rossa zona gialla
Persone con la mascherina a Roma (Getty Images)

Le feste di Natale stanno per finire, e con loro anche l’efficacia del decreto legge emanato dal Governo e dal Parlamento per limitare la crescita dei contagi. Nelle prossime ore quindi il governo emanerà nuove regole per i giorni tra il 7 e il 15 gennaio. L’ipotesi principale al momento è una nuova zona rossa solo il sabato e la domenica, per non soffocare ulteriormente la ripresa economica.

Nella notte tra ieri e oggi alcune voci provenienti da Palazzo Chigi parlavano della possibilità, all’interno delle nuove zone rosse, di spostarsi nella propria regione. Oggi però la nuova bozza del decreto legge presenta una realtà più stringente di quanto trapelato nella notte. Gli spostamenti infatti saranno consentiti solo all’interno del proprio comune di residenza.

LEGGI ANCHE >>> Crisi di governo, Renzi: “Non farò il ministro”. Tutte le ipotesi del rimpasto

Covid, nuovo decreto in arrivo: il contenuto della bozza

covid nuovo decreto zona rossa zona gialla
Agenti di polizia a Codogno (Getty Images)

Il nuovo decreto approvato dal Consiglio dei Ministri, che regolerà la divisione del Paese in zone fino al 15 gennaio, apporta alcune modifiche sostanziali alle regole preesistenti. La zona gialla infatti non permetterà più di spostarsi tra Regioni o Province Autonome, ma solo quelli all’interno della propria. Nei giorni festivi e prefestivi invece entrerà in vigore a livello nazionale la zona arancione, fatte salve le zone rosse eventualmente create.

Un altro elemento molto importante del nuovo decreto è la rimodulazione dell’indice RT associato alle “zone” in vigore. Le Regioni con un RT compreso tra 1.0 e 1.25 infatti finiranno in zona arancione e non più gialla. Quelle il cui indice è compreso tra 1.25 e 1.50 invece saranno zone rosse, ma solo se i casi superano i 50 ogni 100mila abitanti. Questo cambio di regole serve a evitare che regioni con numeri bassi vengano considerate “a rischio” anche quando non è necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *