Quirinale, Berlusconi prima scelta per il centrodestra: si valuta anche il profilo di una donna

Il prossimo 24 gennaio prenderà il via lo scrutinio per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica: i nomi in corsa per il Quirinale

Silvio Berlusconi (GettyImages)

Cresce sempre più l’attesa in vista del via delle elezioni del prossimo Presidente della Repubblica: manca sempre meno alle votazioni visto il mandato di Sergio Mattarella in scadenza il prossimo febbraio. Una situazione che tiene in bilico la politica italiana e che divide ancora una volta i partiti e l’opinione pubblica. Un clima reso ancora più teso dalla divergenza di opinioni tra coloro che sono pronti a sostenere Berlusconi e coloro che sono invece alla ricerca di una valida alternativa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> “Ha smesso anche di pagare”: ombre su Marcell Jacobs, accuse pesantissime della sua ex

Sono diversi i nomi sulla lista dei possibili successori di Mattarella che dal canto suo ha confermato la decisione di non voler tornare per un nuovo mandato. Non solo Berlusconi, sostenuto soprattutto dai partiti di centrodestra, ma tra le possibilità figurano anche i nomi di alcune donne che da diversi anni occupano un ruolo molto importante nel sistema politico italiano.

Quirinale, Berlusconi in lizza: Draghi e Marta Cartabia tra le alternative

Il premier Mario Draghi (GettyImages)

I rappresentanti di Lega Nord, Fratelli D’Italia e Forza Italia hanno ormai deciso: in occasione delle prossime elezioni del Presidente della Repubblica sosterranno con forza Silvio Berlusconi. Una proposta che l’ex Presidente non ha ancora ufficialmente accettato: una valutazione che potrebbe fare la prossima settimana quando avrà più chiara la situazione ma soprattutto quando sarà possibile valutare i voti a suo favore.

In lizza però non c’è il solo nome di Berlusconi in quanto tra le possibili alternative compare anche il nome di Mario Draghi. L’attuale premier italiano piace sia ad una nutrita parte di Governo che agli stessi cittadini. Questa possibilità resta comunque non confermata sia perché il diretto interessato non ha voluto commentare la notizia, sia visti gli eventuali risvolti. L’arrivo al Quirinale di Draghi porterebbe infatti ad un voto anticipato per stabilire il nuovo premier.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Sanremo 2022, terremoto interno in Rai: hanno deciso di escluderli

Infine, tra le opzioni al vaglio non mancano alcuni profili femminili: tra tutte spicca Marta Cartabia, attuale ministro della Giustizia. Un nome che potrebbe partire avvantaggiato non essendo collegato a nessuna forza politica in particolare. Tra le donne troviamo anche i nomi di Maria Elisabetta Casellati, presidente del Senato, e Letizia Moratti. Una corsa che, vista l’omogeneità dei candidati, potrebbe quindi regalare un colpo di scena a sorpresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.