Alessandro Gassmann si racconta, da giovane era un ribelle: “Mio padre si arrabbiava molto”

A scuola Alessandro Gassmann non era molto bravo, ma oltre a ciò era anche un giovane ribelle.

Alessandro Gassmann scuola studente un professore
Alessandro Gassmann, 2017 – Fonte: Getty Images

In queste settimane Alessandro Gassmann è in televisione con la nuova fiction Rai Un professore e sta riscuotendo un discreto successo; nella serie l’attore interpreta un insegnante di filosofia anticonformista e rubacuori, Dante Balestra, alle prese con problemi dentro e fuori dalla scuola.

Se quello di professore è un ruolo scolastico inedito per Gassmann, l’attore però non può certo aver scordato invece i tempi in cui era lui ad essere uno studente. Alessandro aveva già parlato in passato della propria esperienza sui banchi di scuola, ma è tornato a raccontarla.

In un’intervista per MiaTv, Gassmann ha spiegato infatti il tipo di alunno che è stato e il carattere che aveva quando era un ragazzino; la realtà è molto diversa da come potremmo immaginarla.

LEGGI ANCHE >> “Piango ogni due per tre”: Uomini e Donne, confessa una crisi inattesa

Uno studente ribelle

Alessandro Gassmann scuola studente un professore
Alessandro Gassmann in Un professore – Fonte: Instagram

Alessandro Gassmann ha confessato di essere stato un pessimo studente; a quanto pare l’attore non era affatto portato per lo studio e cercava ogni scappatoia per evitare i problemi, facendo penare molto i propri genitori: “Sono stato un cattivo studente. Non mi piaceva studiare e per paura dei brutti voti marinavo la scuola”, ha raccontato.

Già durante un’intervista per Tv, Sorrisi e Canzoni Gassmann aveva parlato della sua pessima esperienza scolastica, dando la colpa al fatto di non aver incontrato nel proprio percorso dei buoni professori, appassionati al proprio lavoro: “Sono stato un pessimo studente perché forse non ho avuto la fortuna di incontrare sulla mia strada uno come ‘Un professore’. Ho avuto paura della scuola, ero terrorizzato”, ha spiegato.

LEGGI ANCHE >> Amici 21, il drammatico sfogo del figlio di Gigi D’Alessio: “Mi mangia l’anima”

A peggiorare la situazione poi, e a far preoccupare la sua famiglia, in particolare suo padre, c’era anche il carattere ribelle dell’attore; a quanto sembra Alessandro era un adolescente difficile e con i coetanei si comportava come un piccolo bullo: “Inoltre ero un po’ bulletto e prendevo tutti in giro. Insomma somigliavo a quelle persone che adesso che non vorrei mai incontrare. Mio padre si arrabbiava molto con me, l’ho fatto penare”, ha raccontato infatti Gassmann.

Impostazioni privacy