WhatsApp, rivoluzione straordinaria: le note vocali si trasformeranno in testo

In occasione del nuovo traguardo raggiunto, WABetaInfo ha festeggiato rilasciando i primi dettagli di una nuova incredibile novità.

WhatsApp
Logo WhatsApp (GettyImages)

Oggi WABetaInfo – il portale che comunica tutte le novità ufficiali che riguardano WhatsApp – ha raggiunto un traguardo davvero importante, 100mila follower su Twitter. Per festeggiare il momento, il portale ha scelto di condividere con gli utenti alcuni dettagli di un importantissimo upgrade su cui gli sviluppatori di WhatsApp sono al lavoro proprio negli ultimi tempi. Si tratta della trascrizione delle note vocali, che ad oggi necessita di un’ap di terze parti.

LEGGI ANCHE>> WhatsApp, la rivoluzione è cominciata: cancellazione multipla e multi-dispositivo, ecco lo spoiler

WhatsApp: importanti novità per i messaggi vocali

Il logo di Whatsapp (GettyImages)

WhatsApp è pronto per fare un passo importantissimo per quanto riguarda il supporto ai messaggi vocali e faciliterà la vita di moltissimi utenti. La novità era stata discussa qualche tempo fa proprio da WABetaInfo – che aveva parlato di un’app di terze parti che consente la trascrizione delle note vocali.

Sembra infatti che Apple sia al lavoro per dare la possibilità agli utenti WhatsApp che utilizzano il melafonino di trascrivere il messaggio direttamente sull’app. Per farlo sarà richiesta dall’app un permesso speciale e, una volta ultimata la trascrizione, questa si salverà nello storico delle conversazioni – per evitare più volte la stessa procedura.

LEGGI ANCHE>> WhatsApp e la funzione “anti-spioni”: per alcuni sarà impossibile scoprirlo

La procedura inoltre – fa sapere WABetaInfo – aiuterà a migliorare la tecnologia ma i messaggi trascritti non saranno assolutamente ricollegabili al mittente o al destinatario del messaggio. Si ricorda, in ultima battuta nella notizia, che si tratta di una feature opzionale – per cui niente paura per la privacy.

Al momento, però, è necessario ricordare che la tecnologia è in fase di sperimentazione da Apple, per cui non è chiaro quando sarà disponibile anche per chi invece utilizza il sistema operativo Android. Sarà rilasciato, inoltre – come sempre – prima per i beta testers e poi diffuso per gli utenti normali.