WhatsApp, la rivoluzione è cominciata: cancellazione multipla e multi-dispositivo, ecco lo spoiler

WhatsApp ha rilasciato delle importanti novità di recente, ma è necessario affinare ancora alcuni dettagli prima dell’upgrade ufficiale.

Il logo WhatsApp (GettyImages)

Tra le novità annunciate nelle ultime settimane, il più importante e rivoluzionario è senz’altro il supporto multipiattaforma. L’upgrade è già stato rilasciato per gli utenti beta e prevede la possibilità di utilizzare la versione per pad, web o desktop anche senza connessione allo smartphone; una soluzione utile nel caso in cui si abbia la necessità di utilizzare l’app ma il telefono è scarico o non a portata di mano. Essendo già stato rilasciato come beta, l’upgrade ha già evidenziato delle fragilità, su cui però gli sviluppatori sono già al lavoro.

LEGGI ANCHE>> WhatsApp e la funzione “anti-spioni”: per alcuni sarà impossibile scoprirlo

WhatsApp, in arrivo la cancellazione multipla

whatsapp telegram guerra social privacy crittografia chat
Il logo di Whatsapp (Pixabay)

Con il rilascio della versione beta dell’upgrade che riguarda il supporto multipiattaforma, sono emersi alcuni problemi che riguarda la gestione delle chat. In queste ore però gli sviluppatori hanno confermato di essere al lavoro per risolvere il problema. 

Gli utenti beta, infatti, hanno notato che non è ancora disponibile la cancellazione sincronizzata delle chat; in poche parole se un utente elimina una conversazione dallo smartphone, non si cancella in automatico anche sul pad o sulla versione web. 

LEGGI ANCHE>> WhatsApp finalmente svela la funzione “segreta”: cambia il modo di rispondere ai messaggi

Dal momento che molto spesso gli utenti ricorrono alla cancellazione per eliminare chat inutilizzate o più sensibili, il fatto che le piattaforme non siano tutte sincronizzate comporta il rischio che si possano lasciare in giro tracce delle proprie conversazioni. 

Gli sviluppatori hanno però confermato di essere al lavoro per sistemare il piccolo problema e che, inoltre, sarà possibile anche sincronizzare in automatico la cancellazione dei media sui dispositivi utilizzati. La risoluzione del problema potrebbe essere un passo avanti per l’approdo dell’aggiornamento anche per gli utenti regolari.