“Mai avuto la possibilità”: Claudio Villa, il rimpianto più grande della figlia Manuela

Il tempo che Manuela Villa ha avuto per costruire un rapporto con suo padre Claudio è stato troppo poco.

Manuela Claudio Villa padre
Manuela Villa – Fonte: Instagram

Manuela Villa è la secondogenita del grande Claudio Villa e della soubrette Noemi Garofalo, ma ci sono voluti ben 21 anni prima che potesse legittimamente portare questo cognome. Manuela infatti è cresciuta pensando che il nuovo compagno della madre fosse suo padre e solo a 12 anni ha scoperto la verità.

Lei e il fratello Claudio Jr. hanno dovuto procedere per vie legali per riuscire a dimostrare che Claudio Villa era il loro padre biologico. Il cantante nel frattempo si era rifatto una vita e aveva messo al mondo altri due figli, ma non aveva mai riconosciuto quelli avuti con la Garofalo.

Manuela ha incontrato per la prima volta suo padre quando aveva 15 anni e la sentenza decisiva è arrivata solamente nel 2004, quando Claudio Villa era morto ormai da tempo. Questo rapporto difficile con il padre l’ha ovviamente segnata e recentemente, ospite di Oggi è un altro giorno, ha raccontato le conseguenze che ha avuto sulla sua vita.

LEGGI ANCHE >> Stefano De Martino, nuovi impegni lavorativi: Mediaset sgancia la bomba

La scomparsa prematura

Manuela Villa ricorda che era il giorno del suo ventunesimo compleanno quando il padre morì e la notizia la sconvolse: “Era il mio compleanno quando ho saputo che mio padre era morto, pensavo fosse uno scherzo. Esplosi in un pianto, ma nessuno sapeva perché. Venne un uomo che mi diede un calice di spumante. Lo spumante più amaro della mia vita. Non volevo più emettere un respiro”, ha raccontato.

LEGGI ANCHE >> Royal Family, videochiamata per la Regina Elisabetta: una sorpresa commovente

Manuela soffriva perché non aveva avuto nè il tempo nè la possibilità di creare un rapporto con lui; così, per sentirlo più vicino e costruirvi un legame, cominciò a cantare le sue canzoni ed intraprese la strada della musica: “Abbiamo spizzicato il tempo insieme. Avrei voluto mangiare la pizza con lui e non ne ho mai avuto la possibilità. Ho provato rabbia da ragazzina, ma a casa ero serena, avevo una famiglia completa. Però sono arrivata a essere obesa per compensare. Per riprendermi mio padre ho ripreso i suoi respiri iniziando a interpretare i suoi duetti”, ha spiegato.