Raffaella Carrà, il tributo dall’Italia scatena polemiche: “Non c’è voto unanime”

A meno di venti giorni dalla scomparsa di Raffaella Carrà, arriva il tributo dall’Italia, ma sembra che la decisione non sia stata unanime.

Raffaella Carrà
Raffaella Carrà [Screenshot]
Dopo la scelta della città di Madrid di dedicare una piazza a Raffaella Carrà – per l’importanza che la cantante ha avuto per la Spagna – anche l’Italia ha scelto di farle un tributo. Da subito però, si è scatenata la polemica a causa della votazione, perché non unanime.

LEGGI ANCHE>> Un Posto Al Sole anticipazioni: il ritorno di Giancarlo spezza gli equilibri

Il tributo a Raffaella Carrà genera polemiche

Raffaella Carrà
Raffaella Carrà [Screenshot]
Sono passati quasi venti giorni dalla scomparsa della talentuosa e amatissima Raffaella Carrà e sin dall’inizio c’è stata una pioggia di tributi per la donna. La Rai ha rivoluzionato il proprio palinsesto per renderle omaggio, il funerale è stato partecipatissimo – e trasmesso in diretta – e i colleghi hanno speso due parole per lei. In questo commosso clima è poi arrivata la notizia che Madrid ha voluto dedicarle una piazza, dal momento che l’artista è stata importante anche per il pubblico spagnolo.

Per questo gli occhi erano tutti puntati sull’Italia, nella speranza che il suo paese natale facesse lo stesso. La notizia non ha tardato ad arrivare e ora il consiglio comunale di Bologna ha votato per poter dedicare un lungomare all’amata Raffaella.

LEGGI ANCHE>> Paolo Bonolis e il lato privato che nessuno conosce: lo ha svelato sua moglie

Nel comunicato della città natale di Raffa si possono leggere delle parole davvero toccanti sulla Carrà: “Un’artista che ha scelto il percorso dell’ironia e la chiave pop per rivoluzionare gli stereotipi sul femminile e la sessualità ed è diventata icona dei diritti civili. Ha inoltre dedicato grande impegno sia personale che professionale a favore dei bambini anche con programmi rivolti ai più piccoli ma soprattutto promuovendo progetti a favore dell’adozione a distanza”.

Un bellissimo elogio accompagna dunque la decisione, che però ha generato già le sue prime polemiche. Secondo alcuni esponenti politici della giunta di Bologna, infatti, il voto non è stato unanime in quanto alcuni consiglieri erano assenti. Difficile prevedere come si concluderà la faccenda, ma considerato il comunicato stampa è possibile che si scelga di proseguire nonostante la votazione.