Diana Del Bufalo e la sua malattia: “Era come se mi mancasse l’aria”

L’amore a volte può portare alla luce problemi più profondi, come la dipendenza emotiva di cui ha sofferto Diana Del Bufalo.

Diana Del Bufalo dipendenza emotiva amore
Diana Del Bufalo, 2019 – Fonte: Getty Images

Diana Del Bufalo è una ragazza ironica e di grande talento; forse alcuni non lo ricordano ma anche lei è uscita da un talent, per la precisione la decima edizione di Amici di Maria De Filippi. Se nella scuola si è cimentata come cantante, il suo debutto da attrice è arrivato poco dopo, nel 2011 con Matrimonio a Parigi.

In questi anni la Del Bufalo ha lavorato come conduttrice ed attrice per vari progetti, ma il ruolo che ha davvero consacrato il suo successo presso il grande pubblico è stato quello nella fiction Che Dio ci aiuti. Se la sua vita professionale procede a gonfie vele, in amore non è in realtà molto fortunata.

Dopo una serie di storie chiuse, prima con il cantante Francesco Arpino, poi con Paolo Ruffini ed infine con Edoardo Tavassi, oggi Diana sembra essere single. In una recente intervista per Ok, Salute però, la Del Bufalo ha svelato un lato oscuro della sua vita privata, la dipendenza emotiva.

LEGGI ANCHE >> “Non è una passeggiata”: UeD, drammatico annuncio dell’ex protagonista

La dipendenza emotiva

Durante l’intervista l’attrice ha svelato di aver sofferto di dipendenza emotiva con uno dei suoi ex fidanzati; Diana non ha mai fatto nomi, ma si pensa che possa trattarsi di Paolo Ruffini, il collega con il quale ha avuto una tormentata relazione tra il 2015 e il 2019. “Era come se mi mancasse l’aria, un senso di morte improvvisa che mi immobilizzava. Non riuscivo a far entrare ossigeno nei polmoni e arrivavo anche al punto di spogliarmi per non sentire quel senso di soffocamento”; ha raccontato la Del Bufalo spiegando le terribili sensazioni di quel momento della propria vita.

LEGGI ANCHE >> “Non è vero”: antipatia reciproca, Diletta Leotta respinge le insinuazioni

Come tutte le dipendenze anche quella emotiva crea assuefazione e quando l’oggetto dell’amore viene meno si cade in una vera e propria crisi d’astinenza; la vita di Diana era totalmente legata a quella del partner: “Ero io a subirne le conseguenze, perché non ero mai me stessa e padrona delle mie emozioni. Anche la dipendenza emotiva è capace di regalarti grandi momenti di piacere, ma quando viene meno provoca crisi d’astinenza. Esistevo solo in relazione al sentimento che provavo per il mio partner e la giornata era scandita dal nostro rapporto. Bastava uno screzio per alterare il mio umore”, ha spiegato.

Oggi Diana è riuscita a gestire e tenere sotto controllo questo aspetto della propria vita grazie ad un lungo percorso di psicoterapia e alla pratica dell’ipnosi.