Aumenta il bonus smart working 2021: grande incentivo per chi lavora da casa

E’ aumentato il bonus smart working del 2021 per coloro che lavorano da casa: si tratta di un ottimo incentivo

Smart working
Bonus aumentato per chi fa Smart working (Pixabay)

Tra le novità del decreto Sostegni approvate dal Parlamento la scorsa settimana c’è anche la proroga per tutto il 2021 dell’aumento dei cosiddetti ‘fringe benefits’, ossia una forma di retribuzione non in denaro concessa dalla aziende ai dipendenti. In questo caso, il bonus sarà diretto a tutti coloro che lavorano in smart working.

Dunque, i datori di lavoro concederanno ai lavoratori un importo da spendere in beni e servizi per allestire l’ufficio in casa. Ecco come i dipendenti potranno spendere il bonus.

LEGGI ANCHE >> Barbara D’Urso, sorpresa Mediaset: per lei un clamoroso ritorno al passato

Il bonus potrà essere speso in sedute ergonomiche, scrivanie e prodotti di illuminazione specifici per poter lavorare adeguatamente, in modo sicuro da casa anche in termini di salute. Insomma, così facendo si darà una spinta alla ripresa dei produttori di mobili per ufficio. Settore tra i più colpiti all’interno della filiera del legno-arredo a causa della pandemia. A quanto ammonta questa somma di denaro? Vediamolo insieme.

Bonus smart working 2021: ecco quanto è aumentato

Smart working
Sarà possibile creare un ‘ufficio’ in casa per lo smart working (Pixabay)

L’incentivo non solo è aumentato. Difatti, è addirittura raddoppiato. Si passa da una cifra di 258,23 a ben 516,43 euro. “Questa misura esisteva già, ma erano in pochi a conoscerla, soprattutto tra le aziende più piccole.”– ha dichiarato il presidente di Assufficio, Gianfranco Marinelli, al Sole 24 Ore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Ilary Blasi, il retroscena su Fabio Fazio: la verità dietro l’addio

“L’entità dell’importo non consentirà grandi spese, ma è sufficiente all’acquisto di una seduta ergonomica, l’elemento più importante per chi lavora da casa, assieme a una piccola scrivania regolabile in altezza.”– ha precisato a questo punto Marinelli.