Harry e Meghan, macabro mistero nei pressi della loro abitazione: interviene la polizia

Tornano sotto i riflettori Harry e Meghan, la coppia reale è stata protagonista di un macabro ritrovamento nella villa americana, sono iniziate le indagini

Principe Harry
Principe Harry (Getty Images)

La coppia più chiacchierata della Royal Family viene travolta da un’altra ondata di gossip. Questa volta è una storia macabra ad aver messo Harry e Meghan sotto i riflettori, un delitto di cui non erano consapevoli.

I due sono ormai fissi in America, ad Hollywood, con nessuna intenzione di tornare a Londra. Ultimamente Harry ha annunciato l’uscita della sua nuova Serie tv per Apple con Oprah che parlerà del suo passato turbolento e Meghan ha rilasciato un’intervista esponendo alla stampa le difficoltà avute prima di conoscere il Principe.

Dopo una brevissima pausa dai riflettori ecco che torna l’attenzione sulla mega villa da 14milioni di dollari. Vicino la loro abitazione è stato fatto un ritrovamento che ha spinto la coppia a chiamare la polizia: attualmente si sta ancora indagando, ma vediamo nello specifico qual è stata la scoperta.

Potrebbe interessarti anche >>Gf Vip 6, due donne come opinioniste: prima l’indiscrezione e poi la frenata

Harry e Meghan alle prese con la polizia, iniziano le indagini

La villa di Harry e Meghan
La villa di Harry e Meghan (Web)

La coppia si è accorta in questi giorni di avere i resti del cadavere di un uomo in casa. La notizia è stata riportata dal Daily Mail e in poco tempo ha fatto il giro del mondo. Il giornale britannico ha anche specificato che i resti umani ritrovati nella villa in California potrebbero appartenere ad un giovane uomo.

La scoperta si è verificata durante i lavori effettuati su una strada vicino al complesso di Montecito, dove Meghan ed Harry hanno acquistato la villa da milioni di dollari.

Potrebbe interessarti anche >>Giulia Salemi, spoiler su Pretelli: poi lei si dispera, ma ormai è inutile

Dopo il ritrovamento è intervenuta la polizia con un equipe specializzata, tra cui anche un antropologo forense che si è occupato di datare i resti. Per avere altre informazioni bisogna attendere un report ufficiale, lo sceriffo ha preferito non rilasciare dichiarazioni che potrebbero risultare fuorvianti.