Martina Colombari e l’amara confessione: momento complicato per la famiglia Costacurta

L’attrice e conduttrice Martina Colombari ha fatto un’amara confessione su un momento complicato vissuto dalla famiglia Costacurta.

martina colombari momento complicato
La conduttrice Martina Colombari – GettyImages

Martina Colombari, assieme a suo marito Billy Costacurta, ha vissuto un momento familiare molto difficile, che l’attrice e conduttrice ha voluto raccontare nell’intervista rilasciata a Il Messaggero.

Le famiglie italiane sono alle prese con la Dad e con le altre alle restrizioni anti-Covi che possono provocare ricadute negative sulla tranquillità dei figli. La stessa cosa è accaduta alla famiglia Costacurta, che si è affidata a uno specialista.

A raccontarlo è proprio Martina, la quale non ha esitato ad ammettere che in pandemia, fare i genitori non è facile, e si vive con “con grande difficoltà”.

Potrebbe interessarti – La D’Urso e il suo ‘pubblico’ ignorante: clamoroso fuoco amico, bordate contro Barbara

Martina Colombari e l’amara confessione: momento complicato per la famiglia Costacurta

martina colombari momento complicato
Martina Colombari e Billy Costacurta – GettyImages

L’isolamento può giocare brutti scherzi ai più giovani, mettendo a repentaglio la loro formazione e i rapporti con i genitori. Esperienza vissuta da Martina Colombari e dal marito. “Io e Billy ci siamo fatti aiutare dallo psicologo dopo le liti con nostro figlio Achille”, ha confessato la  conduttrice nell’intervista con Il Messaggero.

Chiedere un aiuto esterno da un esperto psicologo, nei momenti di difficoltà, non è qualcosa di cui ci si debba vergognare. Anzi”, ha sottolineato Martina. Che ha aggiunge: “il Covid ha rotto gli equilibri, ha stravolto la routine delle famiglia, per non parlare dei genitori che hanno perso il lavoro: io non mi posso lamentare, ma nel mio piccolo è un anno e due mesi che sono ferma”,

Potrebbe interessarti – “Devo lasciare, ha preso il Covid”: lacrime all’Isola dei Famosi, la drammatica rivelazione

Martina ha avuto paura di una cosa in particolare: “che la scuola non aiutasse mio figlio ad avere voglia di tornare in classe. Ogni scusa era buona per spegnere la telecamera. La merenda, una pausa, una sigaretta. I ragazzi di 16 anni hanno esigenze precise e lo studio non è necessariamente tra quelle”.

“Sia io che mio marito – continua la conduttrice – non abbiamo alle spalle percorsi scolastici conclusi con la laurea, perché le nostre carriere si sono sviluppate subito dopo il diploma. Per lui siamo l’esempio vivente che l’università non sia fondamentale”.

Prima di rivolgersi a uno specialista, Martina e Billy hanno litigato spesso con Achille. “Le litigate più grosse con mio figlio le ho fatte quando provavo a seguirlo con i compiti, etichettandogli persino i libri”, ha raccontato. Poi, dopo aver chiesto l’aiuto di “una psicologa che si occupa di genitorialità”, la Colombari ha compreso una grande verità: “che i figli hanno bisogno di aiuto, ma che noi genitori non possiamo metterci al loro posto. Dobbiamo lasciare che si assumano le loro responsabilità. Anche adesso”.