“Una sventurata che non sa quel che dice”: nuovo attacco, Rosalinda derisa totalmente

Nuovo attacco, Rosalinda totalmente derisa nelle ultime dichiarazioni rilasciate alla stampa dal protagonista principale dell’AresGate.

attacco rosalinda derisa
Rosalinda Cannavò (Screenshot)

I pm continuano a indagare sulla morte di Teodosio Losito per cercare di capire se esistono gli estremi per un processo. Ma intanto il protagonista principale dell’AresGate sferra un attacco violento nei confronti dell’attrice ed ex gieffina Rosalinda Cannavò.

A parlare è stato Alberto Tarallo, fondatore della casa di produzione Ares e figura centrale dell’intera vicenda. Il produttore ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera, assieme al suo avvocato, Daria Pesce.

Un’intervista nella quale non sono state risparmiate parole al vetriolo contro chi ha parlato di una misteriosa struttura di controllo, di esperienze traumatiche a danno degli attori in seno all’ex casa produttrice di Tarallo e di regole assurde, il tutto ruotante attorno alla figura di un misterioso “Lucifero”. Tra chi ha messo in giro queste voci c’è anche Rosalinda, contro la quale Tarallo ha usato parole molto dure.

Potrebbe interessarti – Ilaria D’Amico, ancora fuori dal palinsesto Sky: grandi incertezze in casa Buffon

Tarallo al contrattacco, su Rosalinda: “Una sventurata che non sa quel che dice”

attacco rosalinda derisa
Rosalinda Cannavò (Instagram)

Nell’intervista al Corriere, l’ex numero uno di Ares e il suo avvocato hanno pensato principalmente a difendersi. “Lucifero non esiste, non è mai esistito. E di certo non sono io”, ha ribadito  Tarallo. Che poi si è scagliato contro gli attori che hanno gettato ombre sul suo lavoro. Secondo lui si tratta della “vendetta miserabile di attorucoli senza né arte né parte, che dopo di noi non hanno mai più lavorato”.

Su Rosalinda Cannavò è andato giù pesante, definendola “una sventurata che non sa quel che dice”. Su Massimiliano Morra ha invece spiegato che quando è “uscito dalla Casa del Grande Fratello Vip, ha cambiato idea e mi ha chiesto scusa“.

Potrebbe interessarti – “Ilary non la voleva nel programma”: incredibile retroscena sull’Isola dei Famosi

Tarallo ha parlato anche delle regole applicate all’Ares. “Nessuna costrizione – ha spiegato -, solo una certa disciplina, giusta contropartita di compensi stellari. Anche a me piacerebbe guadagnare centinaia di migliaia di euro senza sacrifici o rinunce, però nello spettacolo non funziona così“.

E ancora: “Garko e la Grimaldi avrebbero voluto rendere pubblico il proprio vero orientamento sessuale, in contrasto con i personaggi che interpretavano. Ma il pubblico delle fiction non glielo avrebbe mai perdonato, lo sapevano benissimo”.