Torino, sposa bambina a soli 15 anni: la sentenza è durissima

A Torino il Tribunale ha emesso una sentenza durissima per il caso di una ragazzina costretta a sposarsi a soli 15 anni.

torino sposa bambina 15 anni sentenza tribunale
Un’auto della Polizia in servizio (Getty Images)

Sembra impossibile che certe cose succedano ancora nel 2021, eppure arriva da Torino una notizia a tratti scioccante. Il tribunale del capoluogo piemontese infatti ha emesso oggi la sentenza sul caso di una ragazza giovanissima, costretta dalla famiglia a sposarsi a soli 15 anni. Tutto è cominciato tre anni fa, quando la giovane ha chiamato il Telefono Azzurro per chiedere aiuto.

Da lì sono partite le indagini, che hanno messo in luce una situazione davvero brutta. La madre della ragazza infatti le aveva combinato un matrimonio con un uomo dieci anni più grande di lei. Nel frattempo la famiglia aveva continuato a maltrattarla, chiudendola in casa e non permettendole di uscire. Anche per recarsi a scuola la giovane doveva farsi accompagnare da un parente maschio più grande.

LEGGI ANCHE >>> Usa: arresto bambina afroamericana, video-shock sulle violenze

Sposa bambina a Torino, il Tribunale condanna la madre

torino sposa bambina 15 anni sentenza tribunale
Una protesta contro le spose bambine (Getty Images)

Il caso della sposa bambina di Torino si chiude oggi con la condanna del Tribunale piemontese nei confronti della madre. La donna infatti ha ricevuto una condanna a 16 mesi di reclusione per maltrattamenti. Una condanna inferiore ai due anni richiesti dal pubblico magistrato, ma che permette finalmente alla vittima – oggi diciottenne – di tirare un sospiro di sollievo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Palermo, madre e figlio muoiono in ospedale: aperta un’inchiesta

Secondo l’avvocata della giovane, Isabella Nacci, questa storia è stata dolorosa per tutti. Nonostante quanto successo infatti la ragazza aveva puntato  ad un riavvicinamento alla famiglia, che purtroppo non aveva portato a nulla. Durante il processo la giovane aveva raccontato di non voler vedere la madre in carcere, ma che non poteva più sopportare la vita che le veniva imposta. Una brutta storia, che oggi vede un epilogo soddisfacente solo a metà.