Morta la DJ scozzese Sophie: l’annuncio della casa discografica

La DJ scozzese Sophie è morta a causa di un incidente mentre si trovava ad Atene: l’annuncio arriva dalla sua casa discografica.

sophie dj produttrice morta atene donna trans
La DJ scozzese Sophie (Getty Images)

Sophie, DJ e produttrice di musica elettronica scozzese, è morta a soli 34 anni. L’annuncio arriva dalla sua casa discografica, la Transgressive, con un comunicato. La giovane artista scozzese per molti esperti del settore era uno degli astri nascenti della scena musicale britannica. Dal suo debutto nel 2009 la cantante ha collaborato e prodotto brani per alcune tra le stelle più importanti del panorama musicale.

Tra i brani prodotti da lei che hanno raggiunto la maggior notorietà troviamo anche Bitch I’m Madonna, uno dei singoli estratti dal penultimo album di Madonna. Secondo la sua casa discografica la DJ è morta ad Atene, dove viveva ormai da qualche tempo, cadendo dal tetto di casa propria. La giovane donna infatti si era arrampicata per poter vedere meglio la luna.

LEGGI ANCHE >>> Sanremo 2021, Amadeus ci ripensa: “Pronto per ogni decisione”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Transgressive (@transgressivehq)

Morta la produttrice Sophie: dai Grammy al coming out

sophie dj produttrice morta atene donna trans
La DJ scozzese Sophie (Getty Images)

La carriera della produttrice e DJ scozzese Sophie, morta tragicamente a soli 34 anni nella sua casa di Atene, sembrava destinata a crescere sempre di più. Sin dal suo debutto nel 2009 infatti la donna ha guadagnato il favore e il rispetto della critica musicale, che ha sempre sostenuto il suo lavoro. Il massimo riconoscimento ricevuto è stato la nomination ai Grammy Awards nel 2019: è stata la prima donna trans a ricevere questo riconoscimento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Indonesia, coppia gay scoperta a fare sesso: punita con 80 frustate

Il coming out di Sophie come donna trans risale al 2017: in quell’anno ha pubblicato il video della sua canzone più conosciuta, It’s Ok To Cry. Nel corso degli anni ha più volte raccontato come l’accettazione della sua identità di genere sia stata fondamentale per il suo sviluppo artistico. Dopo la sua morte alcuni amici hanno raccontato che negli ultimi mesi la donna aveva dichiarato di essere una persona non binaria.