Asia Argento, confessioni piccanti su un attore: “Magrolino, nasone e…”

Il nuovo libro di Asia Argento, Anatomia di un cuore selvaggio, contiene alcune rivelazioni scioccanti su un noto attore italiano.

asia argento confessione shock libro sergio rubini
L’attrice Asia Argento (Getty Images)

Asia Argento è forse una delle donne più conosciute del mondo dello spettacolo in Italia. Grazie alle sue interpretazioni in numerosi film acclamati dalla critica infatti l’attrice, figlia del celebre regista Dario Argento, ha saputo costruire una carriera solida. Negli ultimi anni però a far parlare di lei è stata la sua vita privata, caratterizzata da relazioni con colleghi e, purtroppo, anche da momenti di profondo dolore.

Nella sua autobiografia, dal titolo Anatomia di un cuore selvaggio, la donna ha raccontato alcuni dettagli piccanti della sua relazione con l’attore Sergio Rubini. Secondo il racconto della Argento infatti il collega, all’epoca della loro relazione, era sposato con un’attrice che definisce “una bionda nevrotica“. Non è difficile capire che si tratta di Margherita Buy, sette volte vincitrice del David di Donatello. Inoltre la figlia di Dario Argento descrive Rubini come “magrolino, nasuto e superdotato“.

LEGGI ANCHE >>> I commenti shock a Rosa Perrotta: “Poi vi lamentate quando escono i figli gay…”

Asia Argento e il racconto dello stupro: “Pregavo che finisse”

asia argento confessione shock libro sergio rubini
L’attrice Asia Argento (Getty Images)

Una delle vicende che più ha fatto parlare di Asia Argento negli ultimi anni purtroppo non ha niente di positivo. Nel 2017 infatti l’attrice ha denunciato pubblicamente di aver subito uno stupro da parte del produttore americano Harvey Weinstein. La donna ha deciso di raccontare come si è sentita a vivere una situazione terribile che nessuno dovrebbe mai attraversare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gf Vip: una notte da incubo per Giulia Salemi, sfogo PESANTISSIMO

La Argento ha raccontato di essersi sentita immobilizzata, come se cedere all’abuso potesse in qualche modo farlo finire prima. Per questo l’attrice ha provato un forte senso di colpevolezza per essersi arresa ad una violenza così brutale. L’unica spiegazione che riusciva a darsi in quel frangente era di aver ceduto solo per paura del potere di Weinstein e della sua forza, sia fisica che lavorativa.