Enrico Montesano, cinque cose che non sapevi di lui

Ha fatto molto parlare di sé in questi giorni l’attore romano, al centro della polemica per il suo video, pubblicato lo scorso 24 dicembre, su una presunta cospirazione intorno al Covid-19 e al Vaccino della Pfizer. Accusato di essere fascio-negazionista, eppure il suo passato politico dice ben altro.

Enrico Montesano e la moglie
Enrico Montesano (getty images)

 

Non si placano le polemiche intorno al monologo di Enrico Montesano, diventato facile preda sul web di critiche ed insulti per le sue cospirazioni intorno al Sars-Cov-2  e al vaccino, arrivato proprio in questi giorni in Italia. Una teoria ‘complottista’ la sua che ha tirato in ballo diversi nomi eccellenti: come il filantropo ungherese George Soros, la Pzifer per l’appunto, e due politici italiani, Matteo Renzi e Beppe Grillo. Iniziando la frase con ‘Guarda caso’, il celebre attore ha elencato una serie di intrecci tra medicina, finanza, economia e politica, che dimostrerebbero le reali origini della malattia. Nonostante qualche messaggio di apprezzamento, il video di Montesano ha ricevuto moltissime critiche, tante anche molto dure e dai toni minacciosi.

LEGGI ANCHE => Paola Perego, grave lutto in famiglia. E’ successo poche ore fa

 

Montesano contro il Covid-19: non è la prima volta

In realtà, l’ex conduttore non è nuovo a questi tipi di considerazioni, seppur mai in forma così netta. Poche settimane fa, infatti, era intervenuto alla trasmissione di Rete4 ‘Dritto e Rovescio’, scagliandosi contro le misure adottate dal governo Conte in vista del Natale. “Basta con queste restrizioni”- esclamò -. Un mese prima, poi, aveva preso parte alla manifestazione organizzata dalla Lega di Salvini a favore della liberazione di Chico Forti. Fin qui niente di strano, ma venne fermato dalla polizia perchè senza mascherina.

Manifestazione per la liberazione di Chico Forti
Enrico Montesano e Matteo Salvini (Facebook)

LEGGI ANCHE => Paola Perego, grave lutto in famiglia. E’ successo poche ore fa

 

Le cinque curiosità su Enrico Montesano

Tra gli attori italiani più apprezzati dal pubblico, la carriera di Enrico Montesano è stata spesso un sali e scendi di successi e periodi meno felici dal punto di vista professionale. Dopo la straordinaria performance a teatro, nei panni di ‘Rugantino’, il comico romano ha conquistato le luci della ribalta negli Anni Ottanta con diverse commedie all’italiana diventate poi un cult qualche anno dopo, tanto da guadagnarsi anche la conduzione del varietà ‘Fantastico’ nel 1988, con Anna Oxa. Senza dimenticare l’exploit ottenuto da ‘Febbre da Cavallo’, con Gigi Proietti, e le fiction televisive degli Anni Novanta, in particolare ‘Pazza Famiglia’. Recentemente era tornato sul grande schermo, come membro della giuria di ‘Tale e Quale Show’, programma di Raiuno condotto da Carlo Conti. Ma andiamo a vedere le cinque curiosità che forse non tutti sanno di Enrico Montesano.

1 – Nel 1993 è stato candidato per il PDS di Occhetto alle elezioni comunali di Roma, risultando il più votato della sua lista. L’anno seguente venne eletto anche europarlamentare, ma la sua esperienza si interruppe in anticipo nell’ottobre del 1996, tanto da spingerlo a rinunciare anche alla pensione.

2-Oltre che attore, presentatore e cantante, è stato anche l’autore di tre libri. Il primo nel 2003, dal titolo ‘Siamo nati per soffrire e ci siamo riusciti’, il secondo nel 2011, il romanzo ‘Un alibi di scorta’; il terzo, infine, nel 2015 intitolato ‘Confesso’.

3-Nella sua carriera da attore ha vinto tre David di Donatello: nel 1977 ha conquistato il Premio Speciale, poi nel 1980 per il film ‘Qua la mano’ ed infine, nel 1986 come miglior regista esordiente per la pellicola ‘A me mi piace’. 

4-Enrico Montesano ha sei bellissimi figli. Il primo di nome Mattia, nato dal suo legame con Marina Spadaro; dal matrimonio con Tamara Moltrasia sono invece nati Lavinia, Tommaso ed Oliver. Infine, dopo il divorzio con quest’ultima, il 13 aprile 1992 si è sposato con Teresa Trisorio, sua attuale compagna, dalla quale ha avuto Michele Enrico e Marco Valerio.

 

5-In tanti sanno della sua passione per il calcio ed in particolare per la Lazio. Alcuni però raccontano di come, anche durante il set, il suo umore possa cambiare improvvisamente proprio in base ai risultati della sua squadra di cuore. D’altronde, la fede è fede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *