“Al processo gli rompo il ….”: Fabrizio Corona infuriato, contro di lui nuove accuse

Non c’è pace per Fabrizio Corona, ancora una volta sotto indagine si sfoga sulla situazione attraverso i social 

Fabrizio Corona (screenshot Instagram)

Sembrava una storia ormai chiusa quella dell’arresto di Fabrizio Corona, anche il suo legale non si sarebbe aspettato un accanimento del genere. L’ex paparazzo era tornato alla sua vita, in molti avevano anche trattato del riavvicinamento con la Moric, molto probabilmente anche per il bene del figlio Carlo.

In questa sembianza di tranquillità sono arrivati i nuovi caos giudiziari. A notificarlo è stato proprio il diretto interessato, condividendo sui suoi account social le notifiche ricevute in merito alla conclusione di indagini per un episodio accaduto mesi fa.

Ennesimo regalo di Ferragosto” scrive Corona, scattando la foto al documento inviatogli dalla Procura di Milano. Anche il legale Ivano Chiesa ha detto la sua subito dopo, ma vediamo nello specifico cosa sarebbe successo questa volta.

Potrebbe interessarti anche >>“Non l’ho obbligata”: rivelazione di Stefano Bettarini, è stato un sacrificio d’amore

Fabrizio Corona si sfoga senza limiti: nuove accuse dalla Procura di Milano

Fabrizio Corona tumefatto
Fabrizio Corona, immagini del ferimento di marzo (Screenshot)

Al processo gli rompo il c***!” ha scritto come sfogo sui social network Fabrizio Corona. Il documento sarebbe arrivato per indagini per aggressione a pubblico ufficiale e tentata evasione, risalenti a qualche mese fa quando Fabrizio aveva cercato di autolesionarsi. L’ex fotografo fu portato subito in ospedale, ma durante il trasferimento cercò di liberarsi dalla presa degli ufficiali.

Potrebbe interessarti anche >>Una Vita anticipazioni: partenza imminente, brutta reazione di Bellita

“Un provvedimento orripilante” così ha commentato Ivano Chiesa, il suo legale, felice di essere lui a seguire la causa. “La mia indignazione è oltre i limiti della sopportazione“, ha poi continuato a  dichiarare l’avvocato, “Tutti vedranno come si comporta lo Stato quando mostra i muscoli, ci vediamo in udienza”. Una conclusione che sa quasi di minaccia, ma al tempo stesso di tanta disperazione.