Euro 2020, duri provvedimenti per i tifosi: dai governi arrivano aggiornamenti

Manca pochissimo al match Inghilterra-Ucraina per i quarti di finale degli Europei di calcio, ma vista la situazione sanitaria i governi rilasciano importanti novità.

L’ingresso del Wembley Stadium (GettyImages)

Dopo gli ultimi terremoti sul fronte Europei di calcio, che hanno anche portato a stabilire un percorso itinerante per le partite, c’è preoccupazione per l’incontro Inghilterra-Ucraina, partita valida per i quarti di finale dell’evento sportivo. C’è fermento, soprattutto, perché si sono tenute le migrazioni dei tifosi.

LEGGI ANCHE>>Royal Family, assenza clamorosa di Kate Middleton: meglio evitare pettegolezzi

caos a Roma: i tifosi inglesi devono restare a casa

Euro 2020
Manca poco agli Europei 2020 (Getty Images)

Per i campionato europeo di calcio 2020, già nel lontano 2013, si era optato per una formula definita “itinerante”, in quanto di sarebbe tenuta di diverse capitali d’Europa – fatta eccezione per semifinale e finale di torneo, che invece avrebbero avuto una singola città di riferimento. In questo contesto però è subentrata anche la pandemia, che non solo ha spostato l’evento sportivo di un anno, ma anche messo in luce diverse fragilità del sistema attualmente in vigore.

A tal proposito, infatti, la partita Inghilterra-Ucraina, valida per i quarti di finale si terrà a Roma e già in molti hanno acquistato il biglietto per poter vedere l’incontro. La situazione è però peggiorata e al momento da tutti i governi arrivano aggiornamenti sulla possibilità di assistere alla partita.

LEGGI ANCHE >> Aldo Montano e le sue ex famose: svela come sono andate davvero le cose

Quest’ultimi, infatti, per poter partecipare all’evento in qualità di spettatori, avrebbero dovuto affrontare una quarantena di cinque giorni e – considerate le strette tempistiche – questo processo si era rivelato piuttosto complicato. La decisione era stata presa in seguito ad un pesante aumento dei casi Covid in nel Regno Unito – motivo per cui si è anche chiesto alla Uefa di spostare altrove le partite che si sarebbero dovute tenere in Inghilterra.

Il problema, ad ogni modo, si è rivelato così grande che il governo inglese aveva anche lanciato un appello ai tifosi, chiedendogli di evitare viaggi verso Roma e di vedere, piuttosto, la partita da casa in totale sicurezza. Eppure, nonostante la gravità della situazione, il Regno Unito aveva tentato di prendere accordi con la Uefa per un permesso speciale che consentiva ai tifosi di fare solo 24 ore di quarantena.

Oggi però arrivano importanti novità dai governi interessati: i tifosi inglesi e ucraini non potranno volare verso Roma per vedere la partita e si dovranno accontentare di tifare da casa per le loro squadre. Gli unici che potranno andare allo stadio sono i residenti sul territorio italiano, purché ovviamente si attengano alle vigenti regole. Il Covid, insomma, è riuscito ad assestare ancora duro colpo agli stati e agli eventi previsti per quest’anno.