WhatsApp, il trucco che salva la privacy: come essere invisibile ma comunque inviare messaggi

Dal web arriva un’altra soluzione per proteggere la tua privacy e usare Whatsapp quando vuoi e con chi vuoi senza che tutti lo sappiano. 

whatsapp novità termini condizioni 8 febbraio facebook
Whatsapp sul telefono di un utente (GettyImages)

Whatsapp ci ha facilitato la vita quotidiana, eliminando le distanze, accorciando i tempi e rendendo possibili più conversazioni nello stesso momento. Eppure l’uso della piattaforma di messaggistica istantanea implica anche dei rischi, come quello di dover rinunciare a una fetta della nostra privacy. Fino a questo momento, ci è stato possibile togliere ai nostri contatti l’opportunità di vedere quando ci siamo connessi l’ultima volta. Ma a un prezzo, visto che anche per noi è impossibile visualizzare l’ultimo accesso dei nostri amici, parenti, partner o colleghi, una volta selezionata questa opzione. Se siamo online, però, lo sanno tutti: è impossibile per un utente chattare solo con un contatto, senza che tutti gli altri lo sappiano. Finalmente Whatsapp ha fornito uno strumento che può renderci “invisibili” all’occorrenza. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: >>> WhatsApp, la svolta è “copiata” da Instagram: cambiano totalmente i messaggi

Il potere dell’invisibilità su Whatsapp

WhatsApp attacchi hacker
WhatsApp  (Pixabay)

Per acquisire questo super potere occorre scaricare le estensioni WA Incognito e Privacy Extension For WhatsApp Web. Grazie a questi due programmi sarà possibile disattivare e riattivare a proprio piacimento il proprio stato “online” e ritagliarsi dei momenti privati anche nella vita digitale. Potremo usare Whatsapp in silenzio, senza indispettire qualcuno. Sarà ancora possibile spiare tutti i movimenti degli altri, come se lo stato fosse ancora attivo.

LEGGI ANCHE: >>> WhatsApp su più dispositivi: la restrizione è pesantissima, gli utenti sono infuriati

C’è un ma purtroppo: al momento l’opzione è disponibile solo per la versione Web dell’applicazione, utilizzabile su tablet o pc. Tutti gli altri utenti dovranno aspettare un pochino. Certamente l’innovazione avrà un successo tale da spingere l’azienda a studiare una soluzione per gli smartphone quanto prima. La rivoluzione sarà presto a portata di tutti, una volta tanto facendo un occhiolino alla privacy senza intaccarla.