Sonia Bruganelli, la moglie di Bonolis senza veli: i segreti più intimi

Durante una nuova puntata del programma Belve, Sonia Bruganelli si è lasciata andare ad alcune confessioni sui segreti più intimi della sua vita.

Sonia Bruganelli privato preghiera Dio padre
Sonia Bruganelli – Fonte: Instagram

Sonia Bruganelli è la splendida moglie di Paolo Bonolis; i due si sono conosciuti in televisione nel 1997 durante il programma Tira & Molla, si sono sposati nel 2002 e dal loro amore sono nati tre figli, Silvia, Davide ed Adele.

La Bruganelli però è molto di più. Oltre ad essere un’imprenditrice ed una produttrice televisiva, quest’anno si è cimentata per la prima volta anche come conduttrice presentando su TIMVISION un programma tutto suo, I libri di Sonia, che ha riscosso un discreto successo.

Recentemente Sonia è stata intervistata per il programma Belve da Francesca Fragnani e ha parlato di una parte della sua vita molto intima, privata e spirituale: il rapporto con la religione, la preghiera e la morte. La Bruganelli ha accennato anche da una persona scomparsa che ha molto amato.

LEGGI ANCHE >> Rosalinda Cannavò e Zenga verso il grande passo: “Aspetto la prova del nove”

La parte più intima di Sonia Bruganelli

Durante la diretta di Belve, interrogata dalla Fragnani sulle proprie paure, la moglie di Bonolis, nonostante non abbia ancora nemmeno 50 anni, ha ammesso di essere spaventata dal passare del tempo: “Sì, il tempo che passa mi spaventa. Mi spaventa la morte tantissimo. Ho una paura pazzesca di morire. Vorrei morire molto anziana, inconsciente; spegnermi per consunzione”.

LEGGI ANCHE >> Elisa, malessere senza fine: l’incontro che mise a rischio la sua carriera

Nonostante i timori legati all’inevitabile fine della vita, Sonia Bruganelli non ha trovato conforto nella fede ed ha confessato di non pregare e di non rivolgersi mai a Dio, ma piuttosto a qualcun altro: “Io non prego. Lo faccio solo per necessità; non sono capace di pregare. Non prego e non chiedo a Dio. Invece da quando se n’è andato parlo con mio papà”.

Dalle sue parole e dalla commozione si è intuito che il padre è stato una figura molto importante per Sonia: “Mio papà se n’è andato in 5 minuti. Stava benissimo e dopo non c’era più. Se potessi gli direi che aveva ragione lui su tante cose che mi ha sempre detto. Mi manca tantissimo. È la persona che ho fatto soffrire di più e che invece mi conosceva più di tutti”.