Stefano De Martino e Cecilia Rodriguez, guai in vista: finiscono nel mirino dell’Antitrust

Brutte notizie in arrivo per Stefano De Marino e Cecilia Rodriguez. Sono nei guai per colpa e dovranno difendersi? Vediamo che succede.

Stefano De Martino
Stefano De Martino (Instagram)

Guai in vista per Stefano De Martino e Cecilia Rodriguez. Pare che siano finiti nel mirino dell’Antitrust, vediamo cosa sta succedendo.

Nell’era social le sponsorizzazioni sono all’ordine del giorno e sono ciò che garantisce un guadagno extra per gli influencers, e personaggi più o meno noti del mondo dello spettacolo. L’antitrust è l’insieme delle norme che tutela la concorrenza del mercato e sorveglia anche ciò che accade sui social network.

Ora nel mirino ci sono due volti notissimi Cecilia Rodriguez modella e sorella di Belen, e Stefano De Martino coreografo e ballerino famosissimo. Anche loro, ognuno dal proprio profilo social, utilizzano le sponsorizzazioni come mezzo di guadagno ma stavolta qualcosa non è andato nel verso giusto.

LEGGI ANCHE>>>Tommaso Zorzi sgancia la bomba dell’anno: proposta rifiutata, e ora?

Rodriguez e De Martino: si apre un’inchiesta?

Cecilia Rodriguez
Cecilia Rodriguez (Instagram)

La pubblicità occulta è un reato e la Rodriguez e De Martino sarebbero nei guai proprio per questo. Qualsiasi tipo di sponsorizzazione infatti va dichiarata e deve essere palese. Pare invece che entrambi attraverso i social abbiano invitato i followers a pubblicizzare tramite tag e hashtag il marchio di sigarette elettroniche Glo Hyper.

Il marchio è di proprietà di BAT Italia ed entrambe le celebrità sono legate ad esso da rapporti commerciali, non solo. Anche Stefano Sala, ex di Dayane Mello , sarebbe coinvolto allo stesso modo.

POTREBBE PIACERTI ANCHE>>>Love is in the Air, si parte: prima puntata con sorpresona nel cast

De Martino, Sala e Rodriguez sono quindi sotto la lente d’ingrandimento dell’Antitrust che valuterà se sia il caso di aprire un’inchiesta. Ricordiamo già in passato era accaduto anche alla Ferragni, e per tutelare il mercato è importante che l’utente possa distinguere se si tratta di un libero consiglio all’acquisto di un prodotto o di una reale e comprovata proposta commerciale.

Vedremo nelle prossime ore se ci saranno o meno sviluppi su questa indagine.