Barbara Palombelli e l’ammissione amara sul rapporto con Rutelli: lo ha svelato solo ora

Spesso li vediamo così di frequnte in televisione che pensiamo di sapere tutto dei personaggi televisivi, ma forse, come Barbara Palombelli, stanno mostrando solo una parte di sè.

Barbara Palombelli
Barbara Palombelli – Fonte: Instagram

Barbara Palombelli è un giornalista con una lunga carriera alle spalle iniziata sul finire degli anni ’70 da Rai Radio 2. Dopo aver lavorato per Il Giornale, Panorama, La Repubblica, Il Corriere della Sera, la Palombelli è approdata anche in tv lavorando in veste di conduttrice ed opinionista per programmi come Samarcanda, Otto e mezzo, Domenica In, Matrix, Quarto Grado. Dal 2013 conduce poi la nota trasmissione Forum.

Nonostante la sua apparenza di donna dal carattere forte e deciso, anche per Barbara Palombelli si nascondono, dietro la maschera, delle sofferenze e debolezze che le hanno fatto attraversare momenti davvero molto difficili. Questa versione diversa di se stessa, la conduttrice l’ha raccontata nel suo libro Mai fermarsi pubblicato nel 2019.

LEGGI ANCHE >> Elisa Isoardi, c’è una grossa novità: sta per cominciare una nuova avventura

L’altra versione di Barbara

In un’intervista per la trasmissione radiofonica I Lunatici, la Palombelli ha spiegato di aver raccontato nel libro una parte di sè sconosciuta ai più:Chi è abituato a seguirmi in televisione o comunque sui media, scoprirà una Barbara piena di ansie, di sensi di colpa, ogni tanto un po’ depressa”. Effettivamente l’immagine pubblica di Barbara Palombelli non è proprio quella di una donna che si lascia sviare da ansie e paure e lei stessa ne è consapevole: “La gente che mi scrive dice che da fuori mi pensava di ferro, di ghiaccio. Evidentemente nella mia immagine pubblica appaio controllata, fredda, distaccata. Nel libro invece mi sono messa a nudo”.

LEGGI ANCHE >> Elisabetta Gregoraci su tutte le furie: attacco di gelosia e lite in diretta

La giornalista ha spiegato che questo suo carattere si è sviluppato per l’educazione ricevuta soprattutto da suo padre: “Sono stata educata da un padre che diceva che se stavi male non dovevi dirlo, perché in sostanza non gliene importava a nessuno. Mio padre ci ha dato un’impronta molto severa rispetto ad oggi, era un ufficiale di marina. Ne parlo molto nel libro”. Sicuramente a forgiare il temperamento in apparenza forte e distaccato della Palombelli è stata anche la necessità di farsi strada in un mondo di uomini, evitando di rimanere nell’ombra del marito Rutelli. “Per me è stato difficile rivendicare il mio spazio, spesso sono stata etichettata come ‘la moglie dì’”,  ha spiegato.