Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo nella bufera dopo le accuse: “Minacciati e cacciati”

Non si direbbe che Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo siano dei datori di lavoro senza scrupoli, eppure il racconto dei custodi della loro villa parla chiaro.

Enzo Paolo Turchi Carmen Russo custodi
Carmen Russo ed Enzo Paolo Turchi – Fonte: Instagram

Guai in vista per l’amatissima coppia formata da Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo che si sono cacciatti in un bel guaio legale. A risentirne è però soprattutto la loro immagine, fin ora non macchiata da alcun scandalo, che adesso viene invece messa in discussione dalle ultime notizie trapelate.

I due ballerini vivono in una villa nei boschi di Fornello, sulle colline tra il Lago di Bracciano e il Tevere ed qui che si sarebbero consumati i fatti di cui si parla. I due sono stati denunciati per lavoro irregolare e violenza privata dalla coppia di custodi che avevano assunto per occuparsi della villa e dell’immenso giardino.

Il contratto di lavoro in questione però, nonostante le promesse, non è mai stato regolarizzato e proprio per questo si sono iniziate due cause civili presso il Tribunale del Lavoro di Tivoli contro Turci e la Russo. A provare le pessime condizioni dei custodi, senza contratto, ferie nè permessi e vittime di sopprusi, ci sarebbero foto, messaggi e video recuperati dai Carabinieri.

LEGGI ANCHE >> Marina Perzy, una carriera eccezionale: il successo ha cancellato il dolore

Il racconto

I custodi hanno raccontato la loro versione dei fatti:Avevano messo un annuncio, ci siamo trasferiti apposta. Tante promesse ma non ci hanno mai messo in regola. Ci pagavano 500 euro a testa per 10 ore di lavoro, senza ferie, permessi e malattia. Quando ci siamo impuntati Turchi ci ha minacciati e cacciati dalla villa di Formello”. A quanto pare i due poveri dipendenti venivano pagati una miseria, ben 2,2 euro all’ora e senza alcun diritto.

LEGGI ANCHE >> Belen Rodriguez, l’accusa è pesante: guerra legale in arrivo

Una volta confrontati sui fatti, Turchi e Carmen Russo hanno negato l’evidenza; lui non ha risposto al telefono e lei ha detto di non saperne nulla, figendo all’inizio di non ricordare affatto i due custodi. “Hanno lavorato dall’estate fino a Natale nella nostra villa ma quando hanno deciso di andar via è finito il rapporto e sono stati liquidati, non è successo nulla”, ha spiegato poi la ballerina. Alla domanda se i lavoratori fossero regolarmente segnati ha risposto: “Di sicuro, ma non lo so perché se ne occupava il nostro commercialista, ma sicuramente era tutto regolare. Io non sono al corrente di nulla, non abbiamo avuto nessuna comunicazione tra l’altro. Ma sa cosa? Pensando di avere a che fare con dei personaggi cercano di caricare la situazione, tutto lì”.