Draghi pronto a introdurre il Green Pass italiano per i viaggi: come funzionerà

Draghi è pronto ad introdurre in Italia il Green Pass già da metà maggio. Vediamo di cosa si tratta e come funzionerà

Mario Draghi
Mario Draghi interviene sul turismo in Italia con nuove proposte (Screenshot)

Dopo la riunione dei ministri del turismo del G20, Mario Draghi interviene in conferenza stampa e dichiara di voler introdurre il Green Pass per i viaggi.

Sarà un ‘pass verde nazionale’ che consente lo spostamento anche nelle regioni arancioni o rosse, in attesa che entri in vigore il green pass europeo previsto per la metà di giugno. Questo per accelerare le prenotazioni nel Bel Paese, con l’obiettivo di offrire a chi vuole venire in Italia “regole chiare e semplici” per garantire la massima sicurezza.

Mario Draghi si rivolge direttamente ai turisti di tutto il mondo: “E’ arrivato il momento di prenotare le vostre vacanze in Italia, non vediamo l’ora di accogliervi di nuovo”. Il turismo invernale era stato soffocato dalla pandemia, dunque ora si tenta di giocare d’anticipo per quello estivo in ingresso.

LEGGI ANCHE>>>Lotto, estrazione del 4 maggio 2021: tutti i numeri ruota per ruota

Come funzionerà il Green Pass di Mario Draghi

Green Pass
Green Pass digitale (Screenshot)

Il lungo intervento di Mario Draghi di ieri in conferenza stampa si apre con le parole di speranza da parte del presidente: “Non ho dubbi che il turismo in Italia tornerà forte come prima e  più di prima”.

Da metà giugno arriverà il Green Pass Europeo che consentirà gli spostamenti all’interno dell’UE senza obbligo di quarantena. Nel frattempo il governo vuole aiutare l’industria turistica anticipando con un pass nazionale, la stessa possibilità di spostamento senza quarantena in Italia.

Le condizioni del Green Pass che compariranno nel certificato obbligatorio sono: essere vaccinati, oppure dimostrare di essere guariti da Covid-19, o essere risultati negativi a un tampone nelle 48 ore precedenti.

Ora Mario Draghi introduce il certificato italiano alle medesime condizioni già da metà maggio, che consentirà dunque di spostarsi anche in zone rosse o arancioni senza dover osservare il periodo di quarantena.

L’intervento del presidente si conclude con l’augurio e l’invito diretto ai turisti “E’ arrivato il momento di prenotare le vostre vacanze il Italia”.

POTREBBE PIACERTI ANCHE>>>La morte del Principe Filippo desta sospetti: le mezze verità del referto

Quali regioni rilasciano già la certificazione

Green Pass
Green Pass Digitale

E’ tempo di pianificare le vacanze, ma non solo. Il green pass infatti sarà utilizzato anche per concerti e feste ma anche per viaggiare in nave, in treno ovunque il distanziamento non sia garantito.

L’Italia prova a tornare alla normalità ma con regole certe, e la puglia rilascia già un certificato ai suoi cittadini. Si tratta di un’operazione autonoma e in via transitoria, ma la puglia rilascia già una «Certificazione verde» che permette l’ingresso e l’uscita da regioni rosse e arancioni, oltre che per motivi di lavoro, salute o necessità, anche per altri motivi.

La Certificazione verde può essere rilasciata sempre seguendo i 3 criteri del green pass (malattia avvenuta, tampone negativo recente, vaccino effettuato), ha valore sul territorio nazionale e sarà in uso fino all’entrata in vigore del green pass europeo.