“In viaggio con il pass vaccinale”: il ministro Speranza spiega cosa accadrà in estate

Il ministro della Salute Roberto Speranza spiega cosa accadrà in estate: pass vaccinale valido a livello europeo per ricominciare a viaggiare in sicurezza.

pass vaccinale Speranza
Il Ministro della Salute Roberto Speranza (GettyImages)

L’estate si avvicina e gli italiani hanno bisogno di risposte chiare per capire se avranno maggiore libertà di azione, e se potranno finalmente godersi un periodo di vacanza, senza dover sottostare alla rigidità delle attuali restrizioni anti-covid.

Questione affrontata dal ministro della Salute Roberto Speranza nell’intervista rilasciata al Messaggero, nella quale rassicura gli italiani con cauto ottimismo, confermando la volontà dei paesi europei di introdurre il ‘Green pass’.

Sarà “un’estate con meno limitazioni e viaggi con il pass vaccinale”, ha spiegato il ministro. Che ha poi aggiunto: “A livello europeo si sta lavorando a un ‘Green pass’ connesso prima di tutto alle vaccinazioni”. 

Potrebbe interessarti –  “Mi hanno chiamata”: colpo di scena Laura Pausini, l’atteso confronto c’è stato

Pass vaccinale, il ministro Speranza: “Strada giusta per viaggiare in sicurezza”

pass vaccinale Speranza
Pass vaccinale per l’estate 2021 – GettyImages

L’anno scorso gli italiani hanno vissuto la stagione calda un po’ troppo allegramente. Ma quest’anno,  come ha ricordato anche il presidente dell’Iss Brusaferro, non ce lo potremo permettere. L’estate porterà un riduzione dei contagi, ma sarà comunque fondamentale rispettare con estrema attenzione le norme anti-contagio.

Ciò non toglie che si potrà andare in vacanza, magari anche all’estero. Ma proprio sul tema viaggi l’Europa è al lavoro per ridurre al minimo ogni rischio possibile. L’introduzione del pass vaccinale serve proprio a questo. Per raggiungere l’obiettivo “ci sarà un confronto serrato sulle modalità attuative – ha spiegato il ministro Speranza – ma penso che sia la strada giusta per ricominciare a viaggiare in sicurezza”.

Potrebbe interessarti – “In vacanza, con qualche libertà in più”: estate 2021, Brusaferro cautamente ottimista

Nella sua intervista al Messaggero il ministro ha anche detto che “si vedono i primissimi segnali di contenimento del contagio che sono effetto delle misure attuate che stanno funzionando. Ma la situazione – avverte – è ancora molto seria”.

“Tutti vogliamo tornare a misure meno restrittive ma dobbiamo essere realisti, dire sempre come stanno veramente le cose”, ha ribadito il ministro. “Io sono fiducioso  che con l’accelerazione della campagna di vaccinazione il quadro possa migliorare, ma oggi la situazione non può in nessun modo essere sottovalutata”.

Circa eventuali riaperture,  Speranza ragiona con cautela: “Valuteremo settimana dopo settimana l’evoluzione del contagio. Ci sarà comunque bisogno di gradualità. Chi dice che siamo messi come un anno fa non racconta la verità. Abbiamo superato 250mila dosi di vaccino in 24 ore e in settimana raggiungeremo 10milioni di somministrazioni“. Un’ulteriore accelerazione alla somministrazione dei sieri dovrebbe arrivare con le vaccinazioni  in farmacia, che dovrebbero partire “presto, spero – ha aggiunto Speranza – tra fine aprile e maggio“.