“Tacciatemi… sono boomer”: la lezione di Tommaso Zorzi, quello che non va fatto su Instagram

Tommaso Zorzi punta al ‘natural’, tutte le indicazioni sul nuovo approccio ad Instagram, le mode cambiano, avrà ragione?

Tommaso Zorzi
Tommaso Zorzi (Instagram)

Il vincitore del Grande Fratello è diventato uno dei volti più seguiti dalla tv. Tommaso Zorzi aveva dato il via alla sua carriera facendo l’Influencer: aveva un seguitissimo profilo Instagram attraverso il quale pubblicava sprazzi della sua vita extra lusso. Vacanze da sogno e feste private, così si era fatto conoscere.

Successivamente è diventato un volto tv: programmi trash a non finire come Dance Dance Dance, oppure Riccanza. Il boom sul suo personaggio si è avuto con la vittoria al Grande Fratello. Attualmente è uno dei volti più richiesti, sarà l’inizio di una lunga carriera Mediaset?

Proprio perché il suo esordio è stato sui social, l’ex gieffino continua a curare la sua pagina IG. Ha rivelato ai suoi fan di aver cambiato comunicazione: “Basta profili perfetti”, è questo il messaggio che lancia nelle stories. Vediamo cosa ha detto nel dettaglio.

Potrebbe interessarti anche >>“Mi hanno reso la vita difficile”: Akash Kumar la dolorosa confessione sul passato lascia di sasso

Tommaso Zorzi su Instagram, ecco la sua strategia per non essere obsoleto

Se sono boomer tacciatemi, sì sono boomer” così apre il discorso sulle Instagram Stories. “Instagram è cambiato, non è più da Influencer sempre in tiro“, ha spiegato Tommaso. “Io non posto una foto in posa penso da due anni“, ha dichiarato ridendo, cercando di imitare una posa ‘da influencer’.

Potrebbe interessarti anche >>“Mi sento intrappolata”: Rosalinda Cannavò in difficoltà, lo sfogo su Instagram

A quanto dichiara l’ex gieffino Instagram è cambiato. Basta con i profili perfetti, volti sempre in tiro: ci vuole verità, condividere quel che si è nel quotidiano, senza filtri. Queste le nuove strategie per una comunicazione efficace secondo Tommaso. Avrà ragione? E’ più proficuo mostrarsi perfetti ed inarrivabili o puntare alla realtà?