Gerusalemme, ventimila persone per un funerale: interviene la polizia

Più di ventimila persone sono scese in piazza a Gerusalemme nelle prime ore di questa mattina per assistere ad un funerale: interviene la polizia.

gerusalemme funerale ventimila persone covid israele
Folla per il funerale del rabbino a Gerusalemme (Getty Images)

A Gerusalemme la polizia è dovuta intervenire per limitare la partecipazione, incredibile ma vero, ad un funerale. Sembra una notizia quasi surreale, eppure è quanto è successo questa mattina nella città più grande della Palestina. Il funerale in questione è quello del rabbino Meshulam Dovid Soloveitchik, uno dei religiosi più influenti dell’ebraismo ortodosso israeliano.

L’uomo, a capo della scuola religiosa “Brisk“, è morto a 99 anni per le conseguenze dell’infezione da coronavirus. Il suo funerale ha richiamato ebrei haredim, o ortodossi, da molte parti del paese per porgere l’ultimo omaggio ad uno dei capi religiosi più rispettati. Secondo le stime della polizia di Gerusalemme sarebbero oltre 20mila le persone che hanno preso parte al rito funebre dalle 11 (ora locale) di questa mattina.

LEGGI ANCHE >>> Palermo, madre e figlio muoiono in ospedale: aperta un’inchiesta

In ventimila a un funerale, la polizia di Gerusalemme interviene (in ritardo)

gerusalemme funerale ventimila persone covid israele
Folla per il funerale del rabbino a Gerusalemme (Getty Images)

La notizia delle ventimila persone accorse per le strade di Gerusalemme per prendere parte al funerale del rabbino Meshulam Dovid Soloveitchik ha fatto rapidamente il giro del mondo. La polizia della città – che Israele ha dichiarato capitale del paese senza però ottenere il riconoscimento internazionale – ha subito dovuto fornire più di qualche spiegazione. A parlare è stato un portavoce, che ha spiegato come la polizia non sia riuscita a bloccare le persone e a garantire il rispetto delle norme anti contagio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Angolo Terme, cadono in un dirupo davanti alla figlia di cinque anni

La situazione della pandemia di coronavirus nel paese rischia seriamente di aggravarsi. Proprio oggi infatti il Parlamento ha deciso di prorogare di un’altra settimana il lockdown nazionale. Ha inoltre inasprito le multe per chi viola le norme anti contagio. Il ministro della salute Yoav Kisch, furente per l’accaduto, ha dichiarato che “questo funerale porterà ad altri funerali“.