In Catalogna si vota: nonostante il Covid, elezioni confermate per il 14 febbraio

In Catalogna si andrà comunque al voto, nonostante la pandemia. Il Tribunale ha confermato le elezioni regionali per il prossimo 14 febbraio annullando il rinvio che era stato deciso.

 

In Italia si concludono oggi le consultazioni da cui capiremo quali saranno le decisioni prese dopo la crisi di governo aperta da Matteo Renzi. Al momento nessuna ipotesi può essere esclusa del tutto, anche se sono tanti a ritenere, i medici in modo particolare, che non sia ideale andare al voto proprio ora in piena pandemia. Il rischio di assembramento sarebbe totalmente da evitare, soprattutto ora che l’indice Rt sta registrando un calo nel nostro Paese. All’estero, però, sembrano pensarla diversamente. È il caso della Catalogna, dove i cittadino andranno presto al voto per le elezioni regionali.

La data scelta è ormai prossima, quella del 14 febbraio, senza alcuna possibilità di rinvio. A escluderlo e a togliere così ogni dubbio ci ha pensato il Tribunale, che ha annullato un decreto che era stato recentemente approvato e che aveva stabilito uno slittamento a fine maggio. La speranza del governo era proprio quella che a primavera inoltrata l’evoluzione dei contagi potesse essere migliorata. Anche la Spagna, infatti, è uno dei Paesi maggiormente colpiti dall’epidemia, dove negli ultimi mesi si sono registrati migliaia di vittime.

Potrebbe interessarti – Governo: Conte si dimette e sale al Colle. Tutti i possibili scenari

Catalogna al voto per le elezioni regionali: cosa sta accadendo

ora che anche il Tribunale ha sciolto ogni riserva, in Catalogna può così partire la campagna elettorale anche se, inevitabilmente, la sua durata sarà decisamente breve. E le novità in questi ultimi giorni non sono mancate. I socialisti, che sono alla guida del Paese, hanno deciso di candidare Salvador Illa, che fino ad ora era il Minjstro della Sanità. Una scelta importante e particolarmente significativa visto che è stato lui a gestire in prima persona le misure restrittive introdotte in Spagna per fermare l’evoluzione dei contagi da Covid-19.

Potrebbe interessarti – Di Maio e l’ammissione che nessuno si aspettava: si vota?

Il catalano cercherà così di strappare la vittoria ai due principali partiti separatisti, ‘Juntos por Cataluna’ e ‘Izquierda Republicana’. Tutto avverrà ovviamente nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, che restano ovviamente fondamentali in questo periodo in un’ottica di prevenzione.