Ennesimo femminicidio in Italia: accusato un bracciante 46enne

La Procura di Foggia ha disposto il fermo di Gerardo Tarantino, accusato di essere responsabile dell’omicidio di Tiziana Gentile.

Femminicidio nel Foggiano
Femminicidio nel Foggiano

Ancora una volta una donna ad essere vittima di omicidio. Tiziana Gentile, di 48 anni, è stata accoltellata ieri sera alla gola. Era nel suo appartamento ad Orta Nuova, nel Foggiano, è proprio lì che è stata assassinata. La donna aveva due figli di cui uno appena maggiorenne, bracciante agricola non lascia spazio ad ipotesi sul movente.

L’uomo con fermo per l’accusa di omicidio è Gerardo Tarantino di 46 anni. Anche lui bracciante agricolo è stato accusato poiché trovato nei pressi dell’abitazione della donna durante la notte: fermato dai carabinieri e poi portato in caserma per l’interrogatorio. Non si hanno indizi sul movente, per adesso non si hanno abbastanza prove per accertare l’accusa di omicidio, ma sono iniziate le indagini. Entrambi, sia la vittima che l’accusato, sono due braccianti agricoli.

Potrebbe interessarti anche >>Emanuela Folliero sotto choc: vittima degli hacker, rubate le foto personali

L’accusato nega durante l’interrogatorio “non ho fatto niente…”

Femminicidio nel Foggiano (Getty Images)
Femminicidio nel Foggiano (Getty Images)

L’uomo di 46 anni è stato poi portato in caserma per un interrogatorio la sera stessa dell’omicidio perché trovato nei pressi dell’appartamento della vittima dalla volante dei carabinieri. Ma fin da subito ha sottolineato di essere innocente: “Non ho fatto niente, avete sbagliato persona” ha ripetuto più volte. “Il mio cliente si dichiara disperatamente innocente” ha replicato l’avvocato Michele Sodrio.

Potrebbe interessarti anche >>America sotto shock, orrore in Louisiana: la vittima è giovanissima

In caserma però ha compiuto gesti estremi, quasi di autolesionismo: sbatteva la testa più volte contro il muro. L’avvocato ha poi specificato che il suo cliente ha svolto servizio di leva nei Carabinieri ed è sempre stato impegnato in associazioni religiose e di volontariato. Per ora sono questi gli aggiornamenti dalla Questura di Foggia che ha già disposto il fermo per Gerardo Tarantino, a breve gli sviluppi sull’omicidio.