Parma-Juventus, è arrivata la decisione del giudice sportivo: stangata per Buffon

Dopo l’episodio che ha avuto luogo durante Parma-Juventus il giudice sportivo ha preso una decisione nei confronti di Gianluigi Buffon.

gianluigi buffon parma juve bestemmia giudice sportivo
Il portiere Gianluigi Buffon (Getty Images)

Il giudice sportivo ha preso una decisione riguardo a quanto successo durante Parma-Juventus, giocata lo scorso 19 dicembre. Il portiere della Juve Gianluigi Buffon infatti ha bestemmiato in campo rivolgendosi al compagno di squadra Manolo Portanova. Durante un diverbio intercorso tra i due infatti il portiere ha pronunciato una bestemmia che adesso rischia di costargli caro.

La procura della FIGC infatti ha deciso di deferire il suo caso al Tribunale Federale Nazionale. Il giudice sportivo infatti ha deciso che sarà la Sezione Disciplinare del Tribunale a decidere le eventuali sanzioni per l’espressione blasfema pronunciata dal portiere bianconero. Nel frattempo però Buffon potrà continuare a giocare con la sua squadra: per questo motivo sarà in campo durante la partita di Coppa Italia contro la SPAL.

LEGGI ANCHE >>> Olimpiadi Tokyo, perché abbiamo rischiato di andarci senza bandiera

Buffon, le parole incriminate: “Mi interessa solo vederti correre e sudare”

gianluigi buffon parma juve bestemmia giudice sportivo
Il portiere Gianluigi Buffon (Getty Images)

La stagione calcistica di Gianluigi Buffon è momentaneamente appesa ad un filo. La Sezione Disciplinare del Tribunale Federale Nazionale infatti dovrà decidere quali punizioni infliggere al portiere campione del mondo per la bestemmia pronunciata durante il match contro il Parma. Nel provvedimento il giudice sportivo ha descritto minuziosamente la vicenda per permettere ai colleghi di valutare al meglio il caso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Misure restrittive, le Regioni che possono cambiare colore da febbraio

Durante uno scontro verbale con il collega Manolo Portanova, quando il match ormai era circa all’ottantesimo minuto, il portiere si sarebbe posto in maniera molto aggressiva. Gli avrebbe quindi detto di volerlo solo vedere in mezzo al campo a correre e sudare, e che il resto non gli importava affatto. Poi l’espressione blasfema che adesso rischia di costargli caro: il portiere infatti potrebbe ricevere una squalifica per il resto della stagione.