Selvaggia Lucarelli e il messaggio della vergogna: polemica social -FOTO

Selvaggia Lucarelli fa scattare la polemica sul suo profilo IG condividendo il messaggio attaccato alla vetrina di un negozio sui Navigli a Milano. 

 

La Lucarelli è sicuramente una delle blogger più seguite d’Italia. E’ partita nel 2016 con ‘Stanza Selvaggia’ sul quale aveva già iniziato a scrivere commenti graffianti, per poi iniziare a collaborare con testate come Il Fatto Quotidiano, Libero.

Adesso giornalista ed opinionista tv, Selvaggia è seguitissima sui social, il luogo democratico per eccellenza fino a quando le piattaforme non hanno iniziato a pensar di censurare chi condivideva un pensiero troppo ‘estremo’.

La voce di Selvaggia però è sempre a metà tra la polemica e la satira, per questo molto seguita dal pubblico italiano. Non mancano le tante querele per messaggi troppo espliciti e accuse illegittime, ma forse è anche questo che ha portato così in alto il suo nome.

Pochi minuti fa ha pubblicato un post su Instagram aprendo una polemica molto forte, che sicuramente non passerà inosservata nelle prossime ore. Vediamo che cosa ha scritto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>Sabrina Salerno in versione “Miss Maglietta Bagnata”: uno schianto! – FOTO

La polemica sui social: Selvaggia commenta il messaggio incriminatorio

Selvaggia Lucarelli
Selvaggia Lucarelli (Instagram)

Proprio questa mattina Selvaggia pubblica un post su Instagram attraverso il quale fa una vera e propria denuncia contro una tipologia di persone che a detta della giornalista ‘non cambiano mai’.

Il post ritrae la vetrina di un negozio sui Navigli sulla quale era stato attaccato un messaggio che recita così “La speranza è che muoia Conte“. L’opinionista indignata per le parole appena lette, decide di postare la foto su Instagram.

Proprio qui scatta la polemica, scrive una breve didascalia al post attraverso la quale attacca una buona fetta di italiani: “Un negozio a Cernusco sul Naviglio espone il cartello “La speranza è che muoia Conte”. La crisi non cambia le persone, le rivela.” Scrive la penna graffiante della giornalista e poi continua: “La gente perbene, anche quella più esasperata, è rimasta perbene. Altri facevano schifo già prima“.

LEGGI ANCHE >>Somiglianze incredibli: mamme e figlie VIP identiche

La Lucarelli non si preoccupa neanche della problematica querele e, oltre a pubblicare il messaggio sulla vetrina, si accerta di inquadrare anche il nome sull’insegna del negozio.

Impostazioni privacy