Scuola: la maestra negazionista licenziata dal ministero

La maestra negazionista della scuola di Treviso è stata licenziata dal Ministero dell’Istruzione, i genitori avevano fatto proteste per cacciarla.

scuole sicure (Getty Images)
scuole sicure (Getty Images)

E’ da quando è scoppiata la pandemia che circolano voci che attribuirebbero al virus Covid-19 l’etichetta di fake news. Gli psicologi spiegano che è un fenomeno molto comune negli umani: quando sono troppo spaventati per qualcosa che non capiscono, la mente tenderebbe a negarla per auto-protezione. 

La maestra della scuola di Treviso era proprio una di loro. E’ difficile accettare lo stato di allerta in cui ci ritroviamo a vivere ormai da mesi, le teorie complottiste hanno asserito che il virus non esista davvero e sia solo un modo per creare disagio per distrarre il popolo da qualcosa di molto più grande.

Purtroppo però sono mesi che ognuno di noi ha perso almeno un familiare ammalatosi di Covid. Quando si tratta di tragedie del genere bisogna sempre parlare in un certo modo per rispetto delle vittime, di coloro che hanno sofferto e continuano a soffrire per la nuova piaga sociale. Ci ha minato non solo a livello economico, ma anche sociale e psicologico.

Proprio per questo è stato deciso di licenziare la maestra negazionista dopo le continue lamentele da parte dei genitori dei bambini.

Leggi anche >>Ristori 5: arriva il decreto il 20 gennaio, ecco a chi si rivolge

“Muoiono solo gli anziani” La maestra viene licenziata

Scuola (Getty Images)
Scuola (Getty Images)

Sembrerebbe che la donna passasse ai bambini cattive informazioni sulla situazione pandemica mondiale “muoiono solo gli anziani non c’è da preoccuparsi” raccontava ai bambini mentre faceva lezione senza mascherina. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>Scuola, proteste degli studenti e Tar sospende ordinanza di Bonaccini

Li invitava anche ad avvicinare i banchi e a non proteggere se stessi e i compagni per che tanto a loro il virus non avrebbe fatto niente. I genitori degli alunni erano ormai da tempo disperati per il comportamento della donna, così dopo continue proteste è arrivato oggi il licenziamento direttamente dal Ministero.

Impostazioni privacy