Caserta, accoltellato DJ di fama mondiale: arrestato 61enne

Accoltellato a Caserta Joseph Capriati, DJ di fama internazionale: la polizia al momento ha arrestato il padre, un uomo di 61 anni.

caserta accoltellato dj joseph capriati
Carabinieri in servizio (Getty Images)

Sono ore di forte tensione per i fan di Joseph Capriati, DJ di fama internazionale originario di Caserta. La scorsa notte infatti l’uomo è stato accoltellato nella sua abitazione nel capoluogo di provincia campano. I medici dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano lo hanno operato d’urgenza per riparare i danni. La ferita da arma da taglio al torace aveva infatti lesionato i polmoni del 33enne.

Al momento, secondo il chirurgo che l’ha operato, le sue condizioni sono gravi ma stabili. Le prossime 48 ore saranno fondamentali per poterlo dichiarare fuori pericolo. Gli agenti della Polizia Scientifica hanno isolato l’appartamento di Capriati, luogo dell’aggressione che ha rischiato di ucciderlo, e hanno sequestrato l’arma. Le forze dell’ordine hanno arrestato per tentato omicidio il padre, un uomo di 61 anni che al momento si trova nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

LEGGI ANCHE >>> Roberto Maroni operato a Milano: novità sulle sue condizioni di salute

DJ accoltellato a Caserta, gli inquirenti ricostruiscono l’aggressione

caserta accoltellato dj joseph capriati
Carabinieri in servizio (Pixabay)

Gli agenti di Polizia al momento sono al lavoro per ricostruire nel dettaglio l’aggressione ai danni di Joseph Capriati, noto DJ di fama internazionale. L’interrogatorio del padre della vittima, un uomo di 61 anni in stato di fermo per tentato omicidio, sarà fondamentale per chiarire alcuni aspetti della vicenda. Al momento però l’ipotesi più probabile è che il 61enne abbia accoltellato il figlio al termine di una lite domestica.

I due infatti avrebbero avuto uno scontro acceso per futili motivi nella casa del padre di Capriati. La lite, secondo le ipotesi degli inquirenti, non avrebbe coinvolto solo i due uomini ma anche alcuni altri membri della famiglia. Il 33enne avrebbe aggredito per primo l’uomo con un pugno, e il 61enne avrebbe quindi risposto con una coltellata al petto. Il fatto che l’uomo abbia sferrato un solo colpo potrebbe avvalorare la tesi della difesa personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.