Calciomercato, dall’Inghilterra: il ‘figliol prodigo’ non è Eriksen

Secondo il sito inglese di Skysports.com, potrebbe non essere il fantasista danese il primo regalo del Psg al tecnico Pochettino. Bensì, un altro ex pupillo dell’allenatore argentino. Scopriamo di chi si tratta.

La stretta di mano tra Eriksen e Pochettino ai tempi del Tottenham (getty images)

Dal giorno in cui Mauricio Pochettino è sbarcato a Parigi, in molti hanno pensato al cosiddetto ‘ritorno del figliol prodigo’. Il figliol in questo caso è Christian Eriksen, ormai da tempo scaricato da Conte prima e dall’Inter poi, desideroso di poter riabbracciare quanto prima il suo ex allenatore. Una storia già scritta, secondo radiomercato, eppure ad oggi al telefono di Marotta, non è arrivata ufficialmente nessuna chiamata dal Psg, in particolare dal ds Leonardo. Una strategia per far abbassare ulteriormente il valore del cartellino del fantasista danese, pagato un anno fa di questi tempi, circa 20 milioni di euro dai dirigenti nerazzurri. Strategia o forse altro. Già perchè al di là delle dichiarazioni di circostanza, rilasciate dal neo tecnico dei parigini in sede di conferenza stampa (‘E’ ancora presto per parlare di calciomercato’), dall’Inghilterra oggi arrivano segnali non del tutto incoraggianti per Eriksen, e in un certo senso anche per le casse interiste. Dietro al tentennamento per l’ex Tottenham, infatti, stando a quanto riportato dal sito Skysports.com, ci potrebbe essere un altro ex Spurs, anche lui legatissimo a Pochettino.

Calciomercato Psg: spunta Dele Alli

Dele Alli Tottenham (getty images)

Parliamo di Dele Alli, giocatore cresciuto ed esploso proprio grazie all’allenatore argentino. Un’operazione che potrebbe così tagliar fuori dai giochi Christian Eriksen, vista l’abbondanza nel reparto offensivo del Psg, nonostante gli infortuni di Neymar e lo scarso utilizzo di Mauro Icardi. Il fantasista inglese ha sicuramente un’altra valutazione rispetto a quella di un anno e mezzo fa, quando con gli Spurs sfiorò il tetto d’Europa, raggiungendo la finalissima di Champions, persa poi contro il Liverpool. D’altronde il rapporto con Josè Mourinho non è mai stato idilliaco e le 11 presenze stagionali maturate finora, sono lì a testimoniarlo.

LEGGI ANCHE–>Ufficiale, ribaltone Parma: esonerato Liverani!

Calciomercato Inter, e adesso?

La permanenza di Eriksen chiaramente complicherebbe non poco i piani di mercato dell‘Inter. Le voci arrivate nei giorni scorsi intorno a Suning parlano chiaro: i nerazzurri non hanno la possibilità di investire in questa sessione invernale, quindi tutto ciò che contribuirà a far cassa (vedi il ritorno a Cagliari di Nainggolan), servirà per intavolare eventuali colpi in entrata. Ecco perchè al momento le piste più battute da Marotta restano le opzioni low cost o comunque realizzabili attraverso la formula del prestito: come Eder o come Pellè. Entrambi ancora in Cina ma ben contenti di fare ritorno in Italia; entrambi già allievi di Conte ai tempi della Nazionale 2016. Quella per intenderci che sfiorò la semifinale agli Europei in Francia. Il ritorno del ‘figliol prodigo’, insomma, sembra essere un pò il leit-motiv di questo mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.