Crisi di governo, Renzi: “Non farò il ministro”. Tutte le ipotesi del rimpasto

Renzi ha parlato a ‘Quarta Repubblica‘, il programma televisivo condotto da Porro, non ha intenzione di entrare nell’esecutivo. Ecco le varie ipotesi del rimpasto.

Matteo Renzi
Matteo Renzi (Getty Images)

Renzi si è rivolto al Governo, parlando a Quarta Repubblica: “Non farò il ministro” ha ben sottolineato. Sembra infatti che il Ministro abbia direzionato le sue ambizioni nell’ambito internazionale. Ha fatto ben intendere che non ha intenzione di entrare nell’esecutivo e poi ha sostenuto la necessità dell’inserimento di un vicepremier per bilanciare Conte.

Si parla anche di un sottosegretario al Recovery plan, sicuramente questi cambiamenti potrebbero portare una modifica consistente alla direzione del governo, materia molto delicata su cui si è già espresso spesso Renzi. In questo caso si vocifera sull’entrata di Andrea Orlando, vice di Zingaretti.

Il rimpasto è imminente, però non sappiamo quando davvero si cambieranno i giochi. Italia viva infatti potrebbe spingere per un passaggio al Quirinale che farebbe saltare tutto. Parlando ufficiosamente sono passate già molte voci per i probabili sostituti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>Nuovo Dpcm, zone bianche: ecco le regioni interessate

Le ipotesi del rimpasto

Giuseppe Conte governo
Giuseppe Conte governo (Getty Images)

Una possibile novità è l’entrata di Elena Boschi nel ruolo di Ministra dei Trasporti oppure al Lavoro. La Boschi non dispiacerebbe al premier Giuseppe Conte, hanno un buon rapporto, e inoltre è  spinta anche da Matteo Renzi. Parlando invece di Luigi Di Maio, il Cinquestelle non sembra volersi spostare dal suo ruolo, ma potrebbe esserci l’ipotesi di Ettore Rosato alla Difesa. Quest’ultima mossa abbastanza utile per le politiche internazionali a cui punta l’ex Premier Renzi.

Leggi anche >>Roberto Maroni ricoverato d’urgenza, ecco cosa è successo

Sono tanti i possibili movimenti all’interno del Governo per il prossimo rimpasto, ma le voci sono abbastanza diverse da partito a partito. Risulta per esempio molto complicata la situazione per alcuni Cinquestelle, la più a rischio Nunzia Catalfo, ma non la sola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.