Gary Longhi: morto a 56 anni il campione paralimpico

Il campione paralimpico del ciclismo Gary Longhi, canadese di Montreal, è morto a 56 anni: chi era, la lunga carriera e i successi ottenuti.

(screenshot video)

Gary Longhi, residente a Montreal, quattro volte paralimpico e portabandiera del Canada per la cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Sydney del 2000, è morto all’età di 56 anni. La notizia arriva nelle stesse ore in cui l’Italia intera e in generale il mondo dello sport paralimpico è col fiato sospeso per la sorte di Alex Zanardi, vittima due settimane fa di un tremendo incidente stradale. A rendere pubblico il suo decesso è stato poche ore fa lo stesso comitato paralimpico canadese.

Leggi anche –> Alex Zanardi, l’Italia col fiato sospeso per Iron Man

Chi era Gary Longhi, campione paralimpico del ciclismo

Ciclista su strada, Gary Longhi ha gareggiato nei Giochi paralimpici del 1988, 1992, 1996 e 2000, vincendo oro e bronzo nel ’96 ad Atlanta e argento nel ’92 a Barcellona. Nato a Montreal, è stato il primo atleta paralimpico ad essere introdotto nella Canadian Cycling Hall of Fame nel 2017. Le immagini di lui portabandiera canadese a Sidney, sorridente, hanno fatto in queste ore nuovamente il giro del mondo. Così si raccontava il campione paralimpico: “A volte nella società mi sento un estraneo. Sulla bicicletta sono normale. Tutto è liscio, non duro come al solito. È libertà per me”.

Gary Longhi è stato un pioniere dello sport paralimpico, uno dei primi campioni che hanno avuto una certa fama. Il campione paralimpico ha iniziato a pedalare a livello d’élite durante il suo programma di riabilitazione. Era rimasto infatti paraplegico a seguito di un incidente motociclistico del 1983 che lo ha quasi ucciso e l’ha lasciato in coma per tre mesi. I danni riportati cerebralmente hanno fatto sì che venisse poi inserito nelle competizioni riservate a chi avesse subito paralisi cerebrali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.