Non si può morire così a 16 anni

Colpita da un malore improvviso davanti agli occhi increduli degli amici di scuola, si accascia a terra e muore così a soli 16 anni. 

Una notizia davvero sconvolgente quella della scomparsa di Ahsari Hughes, la ragazza di 16 anni morta a causa di un malore davanti agli occhi increduli dei compagni di scuola durante una partita a ruba bandiera.

soccorsi
Morta a sedici anni (direttanews.com)

La tragedia è avvenuta lo scorso 5 gennaio alla Desert Oasis High School di Las Vegas, in Nevada, mentre la ragazza era intenta a giocare con i suoi amici a flag football, uno sport a metà strada fra ruba bandiera e football americano. Ecco che cosa è successo e quali sono state le cause dell’incidente.

Non si può morire così a 16 anni: la dinamica dell’incidente

Secondo quanto raccontato dai testimoni, Ahsari Hughes (16 anni) nel bel mezzo di una partita di ruba bandiera disputatasi alla Desert Oasis High School di Las Vegas avrebbe improvvisamente avvertito un forte dolore al petto che l’avrebbe, dunque, costretta ad allontanarsi momentaneamente dal campo per cercare di riprendersi. Poco dopo, però, la sedicenne sarebbe crollata a terra tra lo stupore e lo shock dei presenti. Inutile l’intervento dell’infermiera della scuola, Aphelia Phifer-Hill, la quale avrebbe provato in tutti i modi a rianimare la ragazza con il massaggio cardiaco nell’attesa dei soccorsi. All’origine del malore, infatti, vi sarebbe stato un arresto cardiaco che non le avrebbe lasciato scampo.

Ahsari Hughes
Ahsari Hughes, morta a 16 anni (direttanews.com)

La causa del decesso

La notizia ha subito suscitato lo shock generale, diffondendosi rapidamente anche sui social network. In particolare, l’infermiera della scuola Aphelia Phifer-Hill avrebbe commentato su Twitter quanto accaduto sul campo di ruba bandiera. “Oggi è stata la prima volta in assoluto per me” ha scritto. “Nei miei 26 anni di infermiera non avevo mai eseguito la rianimazione su un minorenne”.

Ad ogni modo, benché non sia ancora del tutto chiara la causa del decesso, sembrerebbe che Ahsari soffrisse già di continui problemi cardiaci e che fosse per questo tenuta sotto controllo da un cardiologo. Inoltre rimane ancora da appurarsi il motivo per cui quel giorno le sia stato permesso di praticare sport a scuola. Tuttavia, secondo quanto riferito da Fox News, quella partita sarebbe dovuta essere l’ultima per la ragazza, la quale avrebbe a breve interrotto l’attività fisica finché non avesse scoperto le reali ragioni dei suoi disturbi fisici. Il giorno seguente, infatti, avrebbe dovuto sottoporsi ad una visita specialistica per saperne di più.

Articolo di Veronica Elia