Musica con le cuffie | Abbassa subito il volume, rischi un disturbo fastidiosissimo: la “malattia” di Caparezza

Ascoltare la musica con le cuffie è un piacere di tutti. Emozionante, energetica o ritmata, può però causare un grosso problema: l’ha anche Caparezza

Musica con le cuffie Caparezza
Caparezza (Ansa Foto) e Ragazza ascolta musica con le cuffie (Pixabay)

Le cuffie sono sicuramente tra gli strumenti più comodi. Leggere e versatili, permettono di ascoltare la propria musica senza dar fastidio agli altri, in qualunque situazione. Dalle classiche auricolari con il filo si arriva sino a quelle grosse che inglobano l’orecchio, per un’esperienza ancora più immersiva e stimolante.

L’abitudine di ascoltare la musica in cuffia ad alto volume, per quanto dia energia, è in realtà molto rischiosa per la salute. Il problema può anche diventare cronico, arrivando ad avere un impatto tremendo sulla salute. A soffrirne, tra gli altri, anche Caparezza.

Acufene: occhio alla musica

Ascoltare la musica in cuffia
Ascoltare la musica in cuffia (Pexels)

L’acufene si concretizza come la percezione di un rumore nelle orecchie o nella testa, anche e soprattutto in assenza di uno stimolo acustico esterno. Questo suono è spesso descritto come un fischio, un fruscio, un sibilo o un ronzio e può essere debole o forte, intermittente o continuo. Inoltre, l’acufene può essere unilaterale o bilaterale, a seconda che prenda un solo orecchio oppure due.

Non si tratta di una patologia in sé e per sé, quanto più di un sintomo di potenziali malattie dell’orecchio interno o neurologiche. La sua presenza, però, è estremamente fastidiosa ed è provato che interferisce fortemente e negativamente sulla salute mentale ed emotiva di chi lo vive.

Le cause dell’acufene sono molto spesso sconosciute, sebbene ci siano dei comportamenti che possono contribuire alla sua generazione. Innanzitutto, i deficit uditivi e le patologie dell’orecchio sono possibili concause, così come traumi cranici e acustici o tumori del nervo acustico. Altra grande causa, spesso sottovalutata, è poi l’esposizione costante a suoni ad alto volume, sia durante l’attività lavorativa che creativa. Sono quindi a rischio alcune specifiche categorie di lavoratori come gli edili, i musicisti e i soldati, ma anche tutti coloro i quali sono abituati a tenere la musica nelle orecchie ad alto volume.

L’acufene si classifica in tre gruppi: acuto, quando dura sino a tre mesi; subacuto, quando persiste fino a sei e infine cronico, quando supera i sei mesi. A soffrire di questa patologia è anche Caparezza, il quale ha ammesso che la scoperta del disturbo l’ha mandato in seria difficoltà: “Ho pensato al mio corpo come a una prigione” ha raccontato a Il Resto del Carlino. Oggi, il cantante, ha ammesso di non poter fare più venti concerti per volta, poiché la sua salute ne risente troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.