Cani e Gatti, attenzione alle temperature record: il metodo infallibile per non farli soffrire

Il caldo avanza, le temperature record fanno sì che questa diventi l’estate più calda del secolo: anche cani e gatti soffrono, come aiutarli?

Cani e Gatti (Pixabay)
Cani e Gatti (Pixabay)

Tartufo asciutto, orecchie molto calde, sono tra i due sintomi principali che vi ricordano la sofferenza dei vostri animali domestici per il caldo. Come noi, anche loro sono vittime di queste temperature ma non hanno la parola per fartelo notare, soffrono in silenzio e sta a noi capire cosa non va. Il cane ad esempio oltre ai sintomi appena elencati, spalanca la bocca, ansima e suda saliva. Si mostrerà anche sfiancato: perderà la voglia di camminare e la pigrizia durerà per tutte le ore calde della giornata.

In questi casi è meglio non sforzarlo, preferendo lunghe passeggiate notturne. Sono sintomi importanti che mostrano non svogliatezza bensì malessere, come capita giornalmente anche a noi quando le temperature sono troppo alte. Anche i gatti dal loro canto hanno lo stesso problema: le loro ghiandole sudoripare sono sul muso e tra i polpastrelli, motivo per cui per sudare, proprio come i cani, potrebbero iniziare ad aprire la bocca. Un altro comportamento che i gatti assumono con il caldo è la ricerca infinita di superfici fresche sulle quali poter sonnecchiare la maggior parte delle ero della giornata.

Attenzione ai segnali: come comportarsi con cani e gatti in caso di caldo eccessivo

Cani e Gatti (Pixabay)
Cani e Gatti (Pixabay)

Il Ministero della Salute ha raccomandato anche per gli animali domestici alcuni accorgimenti infallibili che faranno sicuramente sentire meglio i nostri amici a 4 zampe. Prima di tutto mai esporli alla luce solare diretta, quindi se si tengono in casa bisogna assicurarsi che ci sia una stanza o un angolo a loro accessibile nel quale potersi riparare dai raggi solari. Evitare assolutamente di portarli a spasso nelle ore più calde: ricordate che loro hanno le zampe scoperte e l’asfalto diventa bollente.

Portarli al mare si può? Sì, si può, ma solamente se si hanno zone d’ombra o ventilate, altrimenti è meglio lasciarli a casa perché rischiano problemi cardiocircolatori per il troppo surriscaldamento. Se si sospetta un colpo di calore, bisogna immediatamente spostare l’animale in un ambiente fresco e raffreddare il corpo con acqua di rubinetto o con panni bagnati sparsi addosso, anche sotto le ascelle e nella zona inguinale, evitando di utilizzare il ghiaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.