“Vero come una banconota da 13 euro”: disastro Caterina Balivo, costretta a dire addio?

La conduttrice Caterina Balivo è finita al centro di una durissima critica a causa di una sua inaspettata decisione: errore grossolano

Caterina Balivo
La conduttrice Caterina Balivo (Foto ANSA)

Estate ricca di novità per Caterina Balivo tornata al timone di un programma tutto suo in questa parte di stagione televisiva. Una notizia che sembrava mettere d’accordo tutti ma che adesso rischia di rivelarsi un vero e proprio disastro per la nota conduttrice.

La Balivo ha fatto il suo arrivo su TV8 con il format Chi vuole sposare mia mamma? in cui i figli aiutano le rispettive madri a trovare un nuovo amore tra alcuni corteggiatori. Un programma che non ha però convinto tutti sia tra il pubblico che tra gli stessi addetti ai lavori.

Il format della Balivo è finito al centro delle critiche ma soprattutto di una gravissima accusa. L’ipotesi è che si tratti di una serie di storie studiate a tavolino e dal finale deciso in anticipo.

Caterina Balivo, che bocciatura: il futuro adesso è a rischio

Il futuro di Caterina Balivo (Foto ANSA)

Il settimanale TV Sorrisi e Canzoni ha pubblicato la lettera di una spettatrice particolarmente delusa dal format che ha permesso alla Balivo di tornare alla conduzione. Nel dettaglio si legge: Come è possibile far credere alla gente che quello che si vede sia vero? Una donna che viene messa nelle condizioni di scegliere chi sposare tra gli spasimanti (o presunti tali) dopo cinque giorni di conoscenza?”.

Nel mirino della spettatrice è però finita la stessa conduttrice: Perché la Balivo, che stimo, ha accettato di fare un programma del genere?. Una bocciatura in piena regola che il settimanale sembra condividere: “Anche io sono perplesso. Mi sembra vero come una banconota da 13 euro…Ma secondo gli autori è proprio tutto reale”.

Bocciata quindi la scelta della conduttrice ed anche quella degli autori che adesso dovrebbero correre ai ripari. Secondo il giornalista la soluzione potrebbe essere quella di mostrare al pubblico come sono andate le cose dopo la scelta. Una valida idea che potrebbe però essere difficile da mettere in atto a questo punto. La stroncatura della critica e gli ascolti potrebbe infatti già aver deciso il futuro del format.

L’ultima puntata andata in onda ha infatti fatto registrare uno share appena al di sopra del 2%: senza dubbio un dato particolarmente basso. Una situazione che adesso potrebbe obbligare gli autori a delle attente valutazioni: serve una svolta o c’è il rischio concreto di un clamoroso addio dopo una sola stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.