Creme e trucchi | Guarda subito l’etichetta: se c’è questa data, devi buttarli immediatamente

Spesso dimenticati nell’armadietto del bagno, le creme e i trucchi sono invece da controllare periodicamente. Massima attenzione a questo dettaglio

Crema e trucchi: occhio all'etichetta
Crema e trucchi: occhio all’etichetta (Pexels)

I cosmetici sono parte integrante della quotidianità di ogni persona. Ogni prodotto che si acquista per il benessere della pelle e dei capelli, infatti, fa parte del grande insieme dei cosmetici: prodotti che aiutano il corpo a sentirsi ed apparire bene, con proprietà specifiche ma non curative. A differenza dei farmaci, infatti, i cosmetici possono essere acquistati senza ricetta medica, anche se spesso si acquistano in farmacia.

Proprio per questa autonomia nell’acquisto, spesso e volentieri le creme e i trucchi vengono trattati con leggerezza. In realtà, c’è un dettaglio dell’etichetta che va controllato con attenzione, perché è un segnale importante dell’integrità del prodotto: ecco di cosa si tratta.

Creme e trucchi: attenzione al PAO

Cosmetici
Cosmetici (Pexels)

Il PAO è l’acronimo di Period After Opening, cioè il periodo dopo l’apertura. Si tratta di una sigla che indica il periodo in cui la crema o il cosmetico è sicuro e alla scadenza del quale, quindi, il prodotto andrebbe buttato. A tutti gli effetti si configura come una data di scadenza, anche se non riporta un giorno, un mese e un anno. Questo, infatti, è riportato su ogni cosmetico: si tratta di un piccolo simbolo di un barattolo di crema aperto, all’interno del quale è riportato un numero.

All’interno del disegno del barattolo vi è una scritta, che può essere 6M, 12M o 24M. Questa indica i mesi per cui, dal momento dell’apertura, il prodotto è considerato sicuro: sei mesi, dodici mesi o ventiquattro mesi. Si tratta di un dettaglio spesso sconosciuto, ai consumatori: quando si acquista un prodotto, lo si lascia nell’armadietto del bagno per periodi infiniti. Per assicurarsi di rispettare il PAO, si può scrivere con un indelebile la data di apertura su ogni barattolo, in modo da tenere il conto.

Una volta scaduto il periodo indicato dal PAO, il consumatore può effettuare una scelta consapevole in merito al prodotto. Se ne è avanzato molto, si può operare un’analisi visiva per verificare se sia ancora utilizzabile. Innanzitutto, se presenta odori o colori strani è da buttare e, al tempo stesso, anche se ha una consistenza diversa dal solito. Se, invece, il PAO è passato da pochi giorni o settimane e il prodotto si presenta integro, allora si può provare a usare ancora: se si notano effetti indesiderati o strani, però, è bene sospendere subito la pratica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.