Brutta gaffe di Massimo Giletti, “È intollerabile”: lei lo costringe a rimangiarsi tutto

Scivolone incredibile per Massimo Giletti, il conduttore è stato minacciato di denuncia: la situazione è diventata più complicata del previsto 

Massimo-Giletti (Non è l'arena)
Massimo-Giletti (Non è l’arena)

In una delle ultime interviste dedicate al conduttore di Non è l’Arena, Massimo Giletti, quest’ultimo ha voluto dare qualche dettaglio in più in merito alle sue relazioni amorose passate e di come si sono evoluti quei sentimenti nel tempo. Un focus su Antonella Clerici innanzitutto, sulla loro relazione intensa rimasta segreta per anni e poi venuta fuori negli anni ’90.

Finita per via degli orizzonti di vita differenti: lei optava per famiglia e figli invece Massimo per una vita libera e frizzantina. Dopo un piccolo accenno alla Clerici, Massimo si era dirottato invece verso Alessandra Moretti. “Lei è ancora innamorata di me e forse in parte anche io, per lei provo un sentimento di affetto che mi lega molto, è una donna che nella vita ha lottato, ha cresciuto i figli praticamente da sola. Non ho mai avuto una famiglia da Mulino Bianco” ha spiegato il conduttore con molta schiettezza provocando improvvisamente l’ira della donna. Alessandra ha deciso infatti di intervenire in merito alle dichiarazioni, e anche senza freni; vediamo allora che cosa ha dichiarato nello specifico.

Alessandra Moretti contro Massimo Giletti: la frase del conduttore ha offeso l’eurodeputata PD

Alessandra Moretti (Instagram)
Alessandra Moretti (Instagram)

“Puntare il dito contro una donna per accendere un faro su di lei, sulla sua vita privata e famigliare, senza alcun rispetto dei sentimenti e delle sensibilità delle persone coinvolte, come ha fatto Massimo Giletti con la sottoscritta, è una forma di violenza intollerabile” così ha tuonato sul giornale l’eurodeputata PD Alessandra Moretti dopo aver letto l’intervista rilasciata da Massimo Giletti.  “I miei figli hanno sempre avuto un padre e una madre che si sono occupati di loro insieme, non è certo un di più perché ci sono tante mamme o tanti papà che fanno tutto da soli, ma è deplorevole togliere una figura paterna sulle colonne di un giornale a dei bambini, è una cosa inaccettabile” ha continuato a commentare la lunga lettera.

“Denuncerò come faccio ogni volta che ho subito insulti e violenze, ma in questo caso lo faccio per tutelare i miei figli che non possono essere sbattuti sul giornale invadendo la loro sfera privata” così la sentenza finale, fino alle scuse pubbliche di Giletti che ha specifica di non aver mai voluto parlar male di lei, anzi. Finiranno in tribunale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.