WhatsApp, occhio alla truffa del buono fasullo: l’azienda è costretta a intervenire

In questi giorni si sono moltiplicate senza controllo le segnalazioni di una nuova truffa su WhatsApp anche ai danni di una nota azienda.

WhatsApp (Getty Images)
WhatsApp (Getty Images)

Uno dei fenomeni più diffusi in rete riguarda le truffe agli utenti, realizzate solitamente tramite e-mail o altre finestre pop-up che si aprono all’improvviso. Basta un click fuori posto per incappare in problemi di un certo peso che possono anche riguardare la privacy del povero malcapitato.

Di recente, con la diffusione delle piattaforme di messaggistica istantanea, il fenomeno si è esteso anche su WhatsApp, com’è successo proprio in queste ore. Dopo le numerose truffe che riguardano il Green Pass, oggi è addirittura una nota azienda a vedere il suo marchio sfruttato per una truffa pericolosa.

LEGGI ANCHE>> WhatsApp cambia regolamento: carta d’identità obbligatoria, ecco il perché

Arrivano buoni spesa su WhatsApp ma è una truffa

Il logo di Whatsapp (GettyImages)

Anche oggi si torna a parlare di truffe e di nuovo la protagonista indiretta della news è l’applicazione di messaggistica WhatsApp. Nelle ultime ore, infatti, si sono moltiplicate sul web le denunce che coinvolgono il gruppo Facebook a causa di un messaggio truffa che di recente ha iniziato a circolare sull’applicazione.

In particolare, negli ultimissimi tempi, agli utenti sono arrivati messaggi di phishing da parte di numeri sconosciuti che parlavano di un buono spesa da Esselunga del valore di ben 500 euro. Ovviamente la cosa ha fatto subito gola a molti, che però sono incappati un una vera e propria truffa.

LEGGI ANCHE>> WhatsApp distrutto da Telegram: funzione “media iperveloci”, è rivoluzione

Molto spesso, infatti, in questi casi il messaggio contiene un link in cui sono chiesto dati personali e, se non si legge attentamente, si da il permesso ad attivare servizi a pagamento che possono sottrarre anche molti soldi al malcapitato.

Ovviamente sulla questione è intervenuta anche l’azienda colpita indirettamente dalla faccenda; quest’ultima ha rilasciato una dichiarazione in cui ha prima ribadito la propria estraneità al fenomeno e poi ha dichiarato che le eventuali promozioni che riguardano la nota catena avviene solo ed esclusivamente sui canali ufficiali.