Raoul Bova, rivelazione choc dell’ex moglie: “L’errore peggiore”

Dopo la fine del suo matrimonio con Raoul Bova, Chiara Giordano ha scoperto una nuova versione di sè.

Chiara Giordano Raoul Bova ex moglie
Chiara Giordano e Raoul Bova, 2005 – Fonte: Getty Images

Raoul Bova e Chiara Giordano erano giovanissimi quando nel 1997 si sono conosciuti ed hanno cominciato a frequentarsi. Nel 2000 sono convolati a nozze e nel giro di due anni hanno messo al mondo due figli, Alessandro e Francesco.

Il loro amore è durato ben 13 anni, ma poi è arrivata la separazione e i fan si sono sempre chiesti quale sia stato il vero motivo della fine tra i due, se una relazione che era già agli sgoccioli o l’arrivo nella vita di Raoul Bova di Rocio Muños Morales.

Chiara Giordano ha sofferto molto per la rottura dal suo ormai ex marito, ma dopo anni di terapia e lavoro su se stessa è riuscita a trovare la propria strada ed oggi è veramente felice ed ha anche ritrovato l’amore.

LEGGI ANCHE >> “Sarai sempre nel mio cuore”: Francesco Oppini e quell’amore diventato tragedia

Una nuova Chiara

Durante il suo matrimonio con Raoul Bova, Chiara Giordano si era totalmente annullata per la famiglia, concentrandosi sul suo ruolo di moglie e madre e lasciando indietro se stessa e le sue passioni, ma quando è arrivata la brutta botta della separazione ha deciso di cambiare strada: “A lungo sono stata concentrata a essere la moglie perfetta, la mamma perfetta, poi, capisci che fare tutto giusto è l’errore peggiore e che devi ascoltare la tua natura. Ero una mamma, una moglie, non avevo ancora scoperto di poter essere anche una donna”, ha raccontato la Giordano.

LEGGI ANCHE >> Halloween da incubo al GF Vip, brutto incidente nella notte: “Ragazzi ho paura”

Grazie a questa nuova spinta, Chiara è riuscita a lasciare indietro la sofferenza e ha ritrovare l’amore per se stessa e per un’altra persona: ha cominciato a ballare, ha dato frutto alla sua laurea in Veterinaria diventando la dottoressa Giordy su Tim Vision e ha incontrato Andrea Evangelista. Sicuramente però è stato un percorso lungo e non semplice: “Grazie a una brava psicologa, ho lasciato andare la rabbia in fretta. Il dolore è durato sei, sette anni. C’è sempre qualcosa di bello che ti aspetta, se te lo crei. Io ho dato spazio alle mie passioni, agli animali con il lavoro e al ballo nella vita”, ha spiegato.