Draghi firma il DPCM sul Green Pass sul lavoro: cosa cambia dal 15 ottobre

Insieme alla firma del nuovo DPCM sul Green Pass, arrivano anche delle notizie importanti su come funzionerà lo strumento per i lavoratori.

Mario Draghi
Mario Draghi [Fonte GettyImages]
Il Presidente del Consiglio Mario Draghi in queste ore ha firmato il nuovo decreto con le nuove linee guida che riguardano i dipendenti della pubblica amministrazione. Il DCPM – voluto fortemente dai Ministri Brunetta e Speranza – entrerà in vigore a partire dal 15 Ottobre e riguarderà ancora una volta l’uso del Green Pass; vediamo come quest’ultimo sarà utilizzato per garantire il ritorno sul posto di lavoro in condizioni di sicurezza.

LEGGI ANCHE>> Elettra Lamborghini, il suo gesto è sospetto: esplode il gossip

Green Pass: cosa cambia dal 15 Ottobre, tutti i dettagli

Green Pass
Cosa c’è da sapere sui Green Pass (Getty Images)

In queste ore è arrivata la firma di Mario Draghi sul nuovo DPCM che riguarda l’estensione dell’obbligo del Green Pass per i lavoratori. Logicamente, insieme alla nuova direttiva, arrivano anche gli strumenti per consentire ai datori di lavoro di capire come muoversi in questo nuovo e difficile contesto.

Salta immediatamente all’occhio – di nuovo – le righe che riguardano la gestione di coloro che risultano sprovvisti del certificato verde; in quel caso il lavoratore sarà subito allontanato dal posto di lavoro e la sua assenza ritenuta ingiustificata. In nessun caso, però, il Green Pass e la sua mancanza può essere motivo di licenziamento – come hanno più volte chiesto tutte le parti politiche.

LEGGI ANCHE>> Manuel Bortuzzo, suo padre deicide di schierarsi: reazione a catena sul web

Inoltre il decreto chiarisce le modalità di controllo, argomento piuttosto spinoso soprattutto per quanto riguarda la privacy dei lavoratori. Ci sarà senz’altro una figura deputata per il controllo e quest’ultimo avrà a disposizione un’app apposita; sarà tuttavia vietato chiedere la tipologia di Green Pass – non si può pertanto chiedere al lavoratore se ha ottenuto il certificato con il vaccino o con tampone. Inoltre in alcun caso è consentito conservare una copia del QR Code – il codice a barre che caratterizza il certificato verde.

I controlli, però, sono assolutamente obbligatori ed è prevista una multa sia per chi sprovvisto di Green Pass che per i datori di lavoro che non controlleranno il possesso di quest’ultimo ai propri dipendenti. Ultimo, ma non per importanza, nel decreto i ministri hanno ribadito l’importanza di concedere ai dipendenti orari più flessibili sul luogo di lavoro – così da facilitare i controlli.