Royal family, nuovo scandalo a corte: accusa pesantissima per il nipote di Carlo e Camilla

Le notizie scandalose sulla famiglia reale non finiscono più; questa volta c’entrano il nipote di Camilla e il principe Carlo.

scandalo famiglia reale royals Ben Elliot principe Carlo Camilla
Il principe Carlo e Camilla, 2015 – Fonte: Getty Images

La famiglia reale inglese in questo periodo è una vera e propria fonte inesauribile di notizie, scandali per la precisione e sembra che una raccapricciante novità ci darà da parlare per i prossimi mesi. In questo caso i royals sono coinvolti in modo indiretto, ma come sempre Buckingham Palace si astiene dal commentare.

La notizia riguarda uno sfortunato triangolo, Carlo, Camilla e suo nipote Ben Elliot, un politico ben noto in Inghilterra appartenente al Partito Conservatore, figlio della sorella della duchessa di Cornovaglia, Annabel.

A divulgare il nuovo scandalo pare sia stato il The Sunday Times, il giornale infatti sostiene che Elliot organizzi incontri a pagamento con Carlo d’Inghilterra. La fonte del periodico sarebbe Mohamed Amersi, un magnate delle telecomunicazioni. Vediamo di cosa si tratta.

LEGGI ANCHE >> Meghan Markle, Royal Family nel suo destino: l’incredibile storia della sua antenata

L’idea di Ben Elliot

Mohamed Amersi ha rivelato al The Sunday Times di aver avuto un incontro nel 2013 con l’erede al trono, il tutto organizzato, sotto una cospicua donazione, da Ben Elliot. Dopo la cena a Dumfries House, la residenza scozzese del principe, Amersi è diventato patrono di una delle sue organizzazioni di beneficenza, donando ben 1,2 milioni di sterline. A confermarlo sembrano esserci dei messaggi scambiati via mail, in cui complimentandosi per la donazione, il nipote di Camilla scrive all’imprenditore: “Ben fatto”.

LEGGI ANCHE >> Meghan Markle, inaspettata alleanza a corte: pronto il colpo di scena

Ben Elliot di fatto è proprietario di una società di servizi di concierge di lusso fondata nel 2000, Quintessentially, tramite la quale appunto organizzerebbe gli esclusivi incontri. Inoltre nel 2008 avrebbe fondato una fondazione per raccogliere fondi per enti di beneficenza come quelli che sostiene il principe Carlo

Riferendosi a Elliot, Amersi ha spiegato al giornale: “Se non hai uno come lui che ti apre le porte è impossibile avere un incontro con Carlo”. Altre persone vicine ad Elliot, che il Sunday ha consultato come fonti, sembrano confermare la scandalosa notizia. Lui ovviamente ha negato ogni coinvolgimento nella vicenda, spiegando di non aver mai venduto nessun contatto con la famiglia reale. Intanto da Buckingham Palace tutto tace.