“Accadrà alla puntata 5”: mega spoiler su Don Matteo, Terence Hill l’ha fatta grossa

Intervistato da Il Corriere della Sera, l’attore Terence Hill ha anticipato delle novità importanti sulla nuova stagione della fiction Rai. Ecco cosa ha raccontato. 

Don Matteo
Terence Hill in Don Matteo (screenshot Twitter)

Era il 7 gennaio dell’anno 2000, quando Terence Hill, pseudonimo di Mario Girotti, è entrato nelle case degli italiani, vestendo i panni di Don Matteo, un parroco con la passione per le indagini poliziesche. La fiction Rai è arrivata a ben 12 stagioni e dopo 255 episodi si è sentito il bisogno di cambiare. Era già stato anticipato, ma ecco arrivare la conferma, Terence Hill non sarà più Don Matteo. Lo ha raccontato lui stesso sulle pagine de Il Corriere della Sera, facendosi spaccare qualche dettaglio di troppo.

Cosa accadrà in Don Matteo 13?

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Don Matteo (@donmatteorai)

Come già detto, Terence Hill lascia lo scettro a Raoul Bova, che interpreterà il personaggio di Don Massimo. “Non è prevista una puntata incentrata sull’uscita di scena di Don Matteo. Non ci saranno lacrime e abbracci – ha fatto sapere l’ex parroco -. Raoul arriva nel quinto episodio e, in seguito, si scoprirà che tipo di legame lo unisce al mio personaggio: è proprio Don Matteo ad averlo scelto come successore, e poi si svelerà il motivo per cui io scompaio”. 

Nella realtà, l’attore ha confessato di voler dismettere i panni di Terence e indossare (finalmente) quelli di Mario. “Avevo voglia di dedicare più tempo alla mia vita privata: ora voglio fare un lungo viaggio con la famiglia in America e nel prossimo maggio, voglio finalmente fare il Cammino di Santiago de Compostela”, ha raccontato

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: >>> Raoul Bova, sorpresa davvero inaspettata: lo ha appena saputo

Terence Hill ha preso questa decisione serenamente, sapendo di lasciare i telespettatori italiani in ottime mani: “Raoul Bova è perfetto per il ruolo di Don Massimo. L’ho visto impersonare un uomo disabile nel film ‘Indovina chi viene a Natale?’ di Fausto Brizzi: una parte non facile, ma lui era bravissimo. E non ha bisogno di miei particolari consigli per rendere credibile il suo prete francescano. Possiede l’entusiasmo giusto per realizzarlo”. Raoul Bova saprà soddisfare le aspettative? Certamente sì. Parola di Terence Hill.