Royal Family: “Ora parlo io”, Harry racconta il suo inferno dorato

Nuove confessioni sul passato di Harry che racconta ad Oprah il suo inferno dorato. Ora è lui a parlare di sé stesso senza alcuna vergogna.

The me you can't see
The me you can’t see , Docuserie di Oprah Winfrey e Principe Harry

Il Principe Harry ha intrapreso una nuova avventura televisiva da qualche tempo in collaborazione con l’amica e conduttrice Oprah Winfrey. Il programma documentario The me you can’t see esplora gli aspetti emotivi e psicologici delle persone, compresi i lati oscuri.

Il Principe Harry e sua moglie Meghan Markle erano stati ospiti rilasciando molte dichiarazioni che fecero discutere, alle quali ora si aggiunge un racconto molto personale e intimo di Harry.

“La mia infanzia e adolescenza sono state un incubo” inizia così il Principe rivelando la sua profonda infelicità da bambino e ragazzino. “Volevo bere, volevo droghe. Qualsiasi cosa pur di dimenticare la morte di mia madre” parole struggenti che ci riportano alla realtà del 1997 quando tutto il mondo piangeva Lady D.

POTREBBE PIACERTI ANCHE>>>Elisa Isoardi, la rivelazione di un’ex naufraga: su di lei erano prevenuti

“Non c’era nessuno ad aiutarmi né mio padre, né mio fratello” le parole di Harry

Harry e Meghan da Oprah
Harry e Meghan e la lunga intervista di Oprah (Screenshot web)

Dopo l’intervista a Meghan, è Harry a prendere la parola e si concentra sul suo passato raccontando proprio tutto. Aveva 12 anni e non c’era nessuno ad aiutarlo a superare il lutto, né il padre né il fratello. Il principe rivela di essere stato abbandonato : “I miei famigliari mi consigliarono di tenermi tutto dentro e soffocare il dolore”.

Nei primi anni 2000, i tabloid spesso immortalavano Harry ubriaco che creava scompiglio, i paparazzi lo seguivano ovunque e lui era considerato lo scapestrato della famiglia, ora racconta che si drogava fino a stordirsi e quando tornava a Palazzo non aveva nessuno disposto ad aiutarlo.

POTREBBE PIACERTI ANCHE>>>Ilary Blasi: non c’è niente da fare: l’annuncio è critico

Un racconto intimo senza vergogna quello di Harry, all’interno dello spazio di Oprah che tratta le malattie mentali, per raccontare che le sue ansie e i suoi attacchi di panico non erano mai stati trattati fino all’arrivo di Meghan. Fu la futura moglie a salvarlo e a consigliarli di entrare in terapia: “Se non mi fossi curato, avrei perso mia moglie”.

Harry e la calunnia sulla paternità

meghan markle harry sicurezza paura polizia scorta
I duchi di Sussex Harry e Meghan (Getty Images)

Dalle parole del Principe emerge tanto dolore ed è lui stesso che confessa che quando ha conosciuto Meghan, ha deciso finalmente di farsi curare. Il percorso di cure non è stato facile ed ha attraversato ovviamente quel lutto mai elaborato.

“Nessuno ha capito le mie sofferenze, ho vissuto un incubo” il Principe racconta anche che ha rivissuto ai danni di Meghan tutte le calunnie che aveva subito sua madre, come un passato che ritornava prepotentemente.

“Quando Meghan è rimasta incinta tutti si chiedevano quale sarebbe stato il colore della pelle di suo figlio” queste le durissime affermazioni di Harry che appare ancora sconvolto ricordando questi episodi. Con questa lunga intervista, Harry chiarisce definitivamente i motivi reali per i quali la coppia ha lasciato l’Inghilterra e si concede al pubblico come mai prima d’ora.